Da Fasano a Ostuni per spacciare coca. Arrestato

/ Autore:

Cronaca



E’ stato arrestato ieri dagli uomini del commissario Albano di Ostuni un giovane del 1992, residente a Fasano, di origini albanesi, che avrebbe spacciato cocaina nei pressi di un bar di Ostuni.

Da più di una settimana, personale dipendente aveva modo di notare, nei pressi di un bar di Ostuni, frequentato da pregiudicati e assuntori di sostanze stupefacenti, un autovettura di grossa cilindrata, il cui conducente era solito effettuare movimenti dubbi, facendosi avvicinare da più soggetti con cui, di volta in volta, prendeva accordi finalizzati alla consegna di droga in cambio di danaro. Tale movimento, si ripeteva con quotidiana frequenza secondo un modus operandi specifico ed assiduo.

Pertanto, nella giornata del 27 c.m., si allestiva apposito servizio di appostamento ed osservazione, monitorando senza soluzione di continuità, l’individuo nonché i ripetuti spostamenti eseguiti nel corso della giornata, dall’analisi dei quali si poteva comprendere che lo stesso aveva concordato con più acquirenti le modalità della cessione della droga che verosimilmente, stando ai precedenti scambi, sarebbe avvenuta durante la serata.

Sensazione operativa poi effettivamente riscontrata. Infatti l’albanese, dopo aver preso gli accordi del caso in Ostuni, a bordo della sua autovettura si dirigeva verso Fasano, suo comune di residenza e, una volta a casa, vi rimaneva per un po’ di tempo per poi ripartire alla volta della Città Bianca. Qui giunto, raggiungeva il bar punto d’incontro solo che, questa volta, era prontamente fermato dagli agenti del Commissariato ostunese che decidevano di sottoporlo a controllo, sospettando che addosso alla persona o all’interno dell’abitacolo potesse essere occultato un quantitativo di sostanza stupefacente. L’uomo e l’auto sono stati perquisiti nel commissariato.

All’interno del cruscotto è stata ritrovata una  “cipolllina” contente circa 5 grammi di cocaina mentre, all’interno di un vano appositamente ricavato e posto al di sotto del freno a mano, veniva altresì scovato un ulteriore involucro più grande e contenente 6 “cipolline” del peso complessivo di circa 45 grammi di cocaina. Inoltre nel porta oggetti della portiera lato guida, si scorgeva un rotolo di nastro adesivo isolante di colore nero identico a quello con cui erano state chiuse le estremità delle confezioni di droga ritrovate all’interno dell’autovettura.

La successiva perquisizione presso la residenza dell’uomo, in Fasano, dava ulteriore esito positivo in quanto consentiva di acquisire ulteriore materiale tipico per il confezionamento della cocaina e cioè una forbice, un coltello, residui di plastica di colore bianco impiegati quali involucri esterni contenenti lo stupefacente, un bilancino di precisione nonché 5000 euro in banconote di diverso taglio, tutto rinvenuto all’interno della stanza del fermato ed in particolare, il bilancino ed il danaro debitamente occultati tramite delle coperte riposte all’interno dell’armadio contenente gli indumenti del soggetto.

Tutto quanto rinvenuto veniva sottoposto a sequestro penale in quanto costituente evidente apparato probatorio comprovante l’attività di spaccio svolta dall’uomo.

Ricondotto in Commissariato, dopo le formalità di rito, il giovane, classe 1992 e residente in Fasano, veniva tratto in arresto in flagranza del reato di detenzione di droga ai fini di spaccio e, su disposizione del Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Brindisi, Dott. Casto, associato presso la Casa circondariale di Brindisi a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

La cocaina sequestrata, una volta “lavorata e tagliata” avrebbe permesso il confezionamento di diverse dosi di droga con un ulteriore implementazione del locale mercato dello spaccio, a nocumento anche di fasce di giovani consumatori.

I servizi di controllo del territorio da parte del Commissariato di P.S. di Ostuni a presidio della sicurezza generale, proseguiranno con costanza nei prossimi giorni onde prevenire e reprimere la commissione di reati, auspicando a tal fine, una proficua collaborazione da parte della cittadinanza.

 

 


commenti

E tu cosa ne pensi?