Basket. La Cestistica Ostuni espugna Castellaneta dopo 3 overtime

/ Autore:

Basket, Sport



La Cestistica Ostuni espugna l’inferno del PalaTifo di Castellaneta e conquista due punti importantissimi, se non fondamentali, per la salvezza in Serie C Silver. Su un campo a dir poco ostico, con il solito tifo caldo dei padroni di casa, e dopo un avvio stentato, i gialloblù di coach Curiale hanno inseguito, raggiunto e superato i padroni di casa, in una partita che, come l’estate dei Negramaro, sembrava non finire mai: tre tempi supplementari, 55 minuti di battaglia all’arma bianca, nella quale ha avuto la meglio chi è arrivato alla fine meno stanco e soprattutto meno carico di falli.

Ostuni ha avuto il merito di non smettere mai di crederci, nonostante il -13 di fine primo quarto (ma Castellaneta in avvio è stata avanti anche di 16), con i padroni di casa chirurgici da tre punti contro la difesa a zona gialloblù, soprattutto Resta e Moliterni: ma col passare dei minuti, l’aggressività degli ostunesi è salita sempre di più, con i tarantini costretti a basse percentuali e innervositi dall’arbitraggio.

Croce e delizia per la Cestistica, il solito Brachon Griffin: impreciso nel primo tempo, inarrestabile nel secondo (21 dei suoi 35 solo nei secondi 20’), ma che nel primo overtime stava per mandare all’aria tutto, con la schiacciata sbagliata del +5 a un minuto dalla fine che sul ribaltamento ha portato invece al canestro (più fallo) di Coleman per la parità. Peccati di gioventù, per un giocatore che anche a Castellaneta, beccato continuamente dal pubblico (anche con cori poco simpatici), ha dimostrato di avere l’anima del trascinatore, immarcabile per la difesa avversaria.

Ma se Griffin è stato il protagonista della rimonta ostunese nel terzo e quarto periodo, sono stati i suoi compagni a salire in cattedra nei momenti decisivi del match: prima capitan Morena, autore di una prova di sostanza e del canestro del pareggio a quota 65 al 40’, poi Di Salvatore, che lo ha imitato con i due punti del 72-72 allo scadere del primo supplementare, infine Altavilla (16 punti e grande carattere), che nel secondo overtime, con Castellaneta avanti anche di 6 (80-74), ha segnato la tripla decisiva per ricucire lo strappo. E per finire, un Milone quasi infallibile dalla lunetta (11/13 alla fine) ha messo i chiodi sulla bara di una Valentino arrivata stremata allo scadere, con Moliterni espulso, Gaudiano, Resta e Mansueto fuori per falli e Rotolo infortunato alla caviglia.

Con il successo al PalaTifo la Cestistica si aggrappa dunque al gruppone di quota 14 punti, insieme a Fasano, Olimpica Cerignola, Ruvo e lo stesso Castellaneta. Un ottimo primo passo in un periodo che sarà decisivo: domenica prossima al PalaGentile arriva Altamura, ottava in classifica a 20 punti, poi la sfida di Ruvo al PalaColombo, Invicta Brindisi a Ostuni, Lecce in trasferta, Fasano in casa e Monopoli fuori. Un tour de force di sei partite in cui i gialloblù dovranno conquistare almeno 8 punti, per tirarsi fuori dalle zone calde e cercare di evitare i playout.

 

TABELLINO

Valentino Basket Castellaneta – Cestistica Ostuni 87-97 (27-14; 39-28; 53-49; 65-65; 72-72; 82-82)

CASTELLANETA: Coleman 17, Rotolo 12, Scarati, Marangione 2, Moliterni 22, Gaudiano 9, Resta 17, Carucci, Mansueto 8, Pancallo. Coach: Di Pasquale.

OSTUNI: Milone 17 (0/2 da 2, 2/7 da 3, 11/13 TL, 6 F.SUB, 5 RB); Morena 14 (4/8 da 2, 1/7 da 3, 3/3 TL, 12 RB); Tanzarella 0 (0/1 da 3); Di Salvatore 10 (4/4 da 2, 2/4 TL, 4 RB); Taveri 0; Craft 5 (2/8 da 2, 1/2 TL, 10 RB, 5 PER, 3 STP); Griffin 35 (9/15 da 2, 2/9 da 3, 11/15 TL, 6 RB, 12 F.SUB, 7 PER); Calò NE; De Giorgi NE; Altavilla 16 (6/12 da 2, 1/1 da 3, 1/2 TL, 5 RB). Coach: Curiale.

Arbitri: Di Sisto (Lecce), Russo (Taranto).

 


commenti

E tu cosa ne pensi?