Trasporto Pubblico: disservizi gravi. Scatigna diffida le Ferrovie del Sud Est

/ Autore:

Politica


 

Dopo l’incontro svoltosi a Villa Mitolo lo scorso 14 gennaio il sindaco Tommaso Scatigna ha finalmente scritto l’ennesima lettera di diffida alle Ferrovie del Sud Est.

 Durante quell’assemblea molto partecipata, non solo da studenti e da genitori, ma anche dai pendolari che utilizzano la ditta di trasporto pubblico, varie sono state le proposte prese al vaglio. Nel corso dell’incontro, fortemente voluto dal primo cittadino, infatti, diverse sono state le testimonianze di studenti e pendolari sulle ormai inaccettabili condizioni in cui versa il  trasporto pubblico da parte delle Ferrovie Sud Est.

 Ad incrementare inoltre, il dibattito ci hanno pensato anche i Giovani Democratici di Locorotondo esternando  il loro punto di vista in varie occasioni  (leggi qui).

Questa mattina dal suo profilo Facebook Scatigna ha divulgato la lettera di diffida che ha come oggetto: Trasporto Pubblico Ferrovie del Sud Est disservizi gravi, inviata non solo al governatore regionale Michele Emiliano e all’assessore regionale ai trasporti Giovanni Giannini, ma anche ad Andrea Viero, Commissario Governativo delle Ferrovie del Sud EST, e ai due Sub- Commissari  Domenico Mariani e Angelo Mautone.

Sempre Scatigna ha poi commentato:  “Vi espongo la lettera di diffida e di richiesta di incontro pubblico inviata a tutte le autorità competenti”. Infatti, dalla lettera si legge: “si chiede alla SS.LL. di incontrarci a Locorotondo con il sindaco e con una rappresentanza degli utenti per ascoltare le testimonianze del disservizio quotidiano  e verificare quanto sia possibile operare per migliorare”.

Infine, il primo cittadino ha concluso: “Spero di essere riuscito a sintetizzare e comprendere i preziosi suggerimenti venuti fuori dagli interventi di ciascuno. Grazie per la vostra preziosissima collaborazione! Fiducioso in un riscontro positivo vi terrò informati! Buona giornata.”

Qui la lettera inviata dal primo cittadino (clicca qui)


commenti

E tu cosa ne pensi?