Sequestro SS 172 e trasporto scolastico: la soluzione proposta da FSE

/ Autore:

Politica


Pubblichiamo un comunicato ricevuto dall’Ufficio Stampa del Comune di Locorotondo relativo all’incontro tenuto questa mattina nella Sala degli Uccelli del Palazzo Ducale di Martina Franca sui nuovi orari del trasporto pubblico per gli studenti a seguito del sequestro della SS.172.

Sono soprattutto i pendolari di Locorotondo, studenti e lavoratori, che stanno subendo i maggiori disagi derivanti dal sequestro del tratto della Statale 172 che collega il paese a Martina Franca. Gli alunni che vanno a Martina per frequentare i vari istituti, a causa della deviazione da Cisternino della tratta solita Locorotondo-Martina e viceversa, arrivano con 20 minuti di ritardo a scuola percorrendo con l’autobus 13 km in più. Al fine di evitare che i disagi derivanti dal sequestro del depuratore di Martina Franca seguito dal sequestro della SS 172 possano riversarsi sugli studenti, FSE ha dato ampia disponibilità nel trovare una soluzione al problema. Ed è per ciò che questa mattina si è riunito un tavolo tecnico, convocato dal Comune di Martina Franca, con i rappresentanti dei comuni di Martina Franca, Locorotondo ed Alberobello, i dirigenti scolastici, i referenti delle Ferrovie del Sud Est e dell’azienda di trasporto pubblico locale Miccolis.

Nella sala degli Uccelli hanno discusso delle possibili soluzioni: per il Comune di Locorotondo il consigliere comunale delegato alla Viabilità Vito Speciale, presente anche al vertice con l’assessore regionale Giovanni Giannini; per il Comune di Martina Franca l’assessore al Diritto allo Studio prof. Antonio Scialpi, l’assessore ai Trasporti dott.ssa Nunzia Convertini, la funzionaria dell’Ufficio Trasporto Scolastico dott.ssa Rosalba Scialpi; per il Comune di Alberobello l’assessore all’Ambiente dott. Vitantonio Ignisci; per le Ferrovie Sud Est l’ing. Francesco Longobardi ed il dott. Michele Bitetto e il dott. Cosimo Re; per l’azienda di trasporto locale Miccolis il dott. Andrea Palmieri e il sig. Antonio Colucci. Nutrita la rappresentanza scolastica:  il prof. Napolitano dell’IISS. Majorana, il prof. Gravina del Liceo Artistico Calò, il prof. Carducci e la prof.ssa Muraglia del Liceo Tito Livio, il prof. Amati dell’IISS L. Da Vinci.  Nella parte finale ha preso parte all’incontro il sindaco del Comune di Martina Franca, dott. Francesco Ancona.

FSE al tavolo tecnico si è presentata con una proposta che potrebbe attutire di molto la problematica, trasformando quello che al momento è un grande disagio in un’opportunità di cambiamento. Infatti, l’obbiettivo sarà quello di incentivare l’utilizzo del treno, pur lasciando invariato il numero di autobus a servizio della tratta Locorotondo-Martina F. Continueranno ad esserci 4 pullman che collegano le due città, facendoli partire con 10 minuti di anticipo rispetto alla regolare tabella di marcia. Tutti gli autobus da Locorotondo partiranno alle ore 7,20 anziché alle 7,30. Contemporaneamente sarà possibile usufruire del treno delle ore 7,31 che parte da Locorotondo per andare a Martina e che ha una capienza di 150 posti. Per gli studenti diretti alla zona Pergolo, inoltre, FSE metterà a disposizione un bus navetta. Il tutto con lo stesso titolo di viaggio, senza alcun aggravio per le famiglie.

Tutto questo dovrà partire dal 1° marzo, sentito l’assessore regionale Giannini ed il Commissario Straordinario FSE Viero.

Sarà compito dei Dirigenti Scolastici presentare il piano dei trasporti agli studenti di Locorotondo presenti nei rispetti istituti.

Soddisfatti dei risultati sia il consigliere Vito Speciale che il sindaco Tommaso Scatigna:

«Grazie alla collaborazione con la FSE – ha dichiarato a fine riunione il consigliere Speciale – possiamo considerare ottimo e soddisfacente risultato per i nostri pendolari e per tutti i nostri studenti in riferimento al recente blocco della Statale. Fermo restando gli attuali corse su gomma con il solo anticipo dell’orario di partenza dalle 07.30 alle 07.20, si é deciso infatti di sperimentare una soluzione dal 1′ marzo che prevede la possibilità di prendere il treno alle ore 7.31 e dalla stazione di Martina utilizzare un bus navetta messo a disposizione gratuitamente dalle Fse. Tutto con lo stesso titolo di viaggio. È una sperimentazione che potrà finalmente consentire il trasporto in sicurezza, con tempi più certi e soprattutto in modo ecosostenibile!».

«Grazie alla collaborazione con la FSE e con il Comune di Martina Franca, – ha commentato il primo cittadino di Locorotondo Tommaso Scatigna – si è deciso di sperimentare una soluzione per gli studenti che da Locorotondo vanno a scuola a Martina. È una sperimentazione che la FSE sta portando avanti nell’ottica di trasformare il trasporto verso Martina più puntuale e funzionale. Si spera di arginare gli enormi disagi che negli ultimi giorni si sono purtroppo aggiunti!senza nessun aggravio per le famiglie!!Meglio di così ragazzi..«».

 


commenti

E tu cosa ne pensi?