Approvata in Giunta la mediazione tributaria. Basile: “Ampliate tutele per contribuenti”

/ Autore:

Economia, Società



Approvato dalla Giunta comunale il provvedimento che recepisce la mediazione tributaria, un ulteriore utile strumento a disposizione dei contribuenti che permetterà di snellire e ridurre il contenzioso tributario evitando, in caso di accordo preventivo,  ricorsi in commissione tributaria.

“La mediazione, introdotta anche per gli Enti Locali dal D.lgs. del 24 settembre 2015, si pone come finalità quella di ridurre i ricorsi in Commissione tributaria dando la possibilità ai contribuenti di sanare eventuali controversie tributarie attraverso la mediazione evitando lunghi e costosi contenziosi”, sostiene l’Assessore al Bilancio Lorenzo Basile a seguito dell’atto che identifica l’ufficio e la nomina del responsabile delle procedure di reclamo/mediazione.

Atteso che sarà possibile chiudere anticipatamente controversie fino a 20.000,00€, stando alle statistiche, rientrerebbero nella mediazioni circa il 90% dei casi.

Il ricorso, da presentare alla Commissione Tributaria Provinciale competente per territorio, diventerà esperibile solo trascorsi i 90 giorni necessari per concludere l’iter amministrativo finalizzato alla eventuale definizione anticipata della controversia fiscale.  Nel caso in cui la mediazione si concluda favorevolmente, il contribuente dovrà versare la somma concordata o eventualmente la prima rata, nel caso in cui si è definita una rateizzazione, entro 20 giorni dalla data di sottoscrizione dell’accordo. In questo caso quindi le sanzioni tributarie saranno ridotte al 35% del minimo previsto dalla legge.

“Il recepimento di questo nuovo e positivo istituto anche negli Enti locali contribuirà ad aumentare gli strumenti a disposizione dei contribuenti, oltre ad altri che a breve verranno messi a disposizione come ad esempio lo sportello telematico, per  accorciare le distanze tra Ente e cittadini ed ampliare le tutele a favore dei contribuenti”, conclude Basile.


commenti

E tu cosa ne pensi?