“Noi ci siamo”: Scatigna parte alla ricerca del secondo mandato da sindaco

/ Autore:

Politica


Domenica 6 marzo, presso la sala “don Lino Palmisano” di Villa Mitolo, è ufficialmente cominciata la campagna elettorale di Tommaso Scatigna, che si ricandida per la poltrona di primo cittadino a Locorotondo. Il progetto politico che accompagnerà questa avventura è noto da tempo: “Avanti Locorotondo” è il simbolo che gli elettori troveranno stampato sulle schede elettorali, ed è il messaggio che, dalla riapertura del plesso scolastico “Marconi-Oliva”, ultimo atto ufficiale della legislatura in corso, sta scandendo le giornate del primo cittadino.

Di fronte ad una numerosa platea di parenti, amici, simpatizzanti e concittadini, Scatigna ha inaugurato l’evento con un foto racconto dei cinque anni trascorsi in Municipio. Le immagini dell’ultimo tratto della circonvallazione, le foto di piazza Aldo Moro e della fontana rimessa in funzione, si alternano con quelle dei muretti ripristinati o con quelle delle bacheche delle contrade: grandi progetti ultimati accanto alla quotidianità, la stessa che porta il sindaco, attraverso l’uso sfrenato dei social network, ad avere un contatto diretto con chiunque.

Poi, la serata è proseguita con il “One man show”. «Questa sera sono qui con un mandato di riconferma firmato da dieci undicesimi della mia maggioranza uscente – ha detto Scatigna – e sono molto orgoglioso di presentare un progetto politico che unisce sotto un’unica bandiera il centro destra locorotondese. Il “Noi ci siamo”, con cui parte la campagna elettorale sta a significare proprio questo: noi siamo pronti per proseguire un discorso cominciato cinque anni. La mia campagna elettorale sarà incentrata su due aspetti fondamentali: partire da quello che abbiamo fatto per proseguire con quello che c’è ancora da fare per il paese che amiamo».

Intorno a Tommaso Scatigna, ora, si stanno condensando tutte le forze che si riconoscono negli ideali e nella politica di centrodestra. Se, ad oggi, la riconferma del primo cittadino in carica appare scontata, questo almeno è quello che si percepisce in paese, il lavoro di costruzione del nuovo programma elettorale è ancora in divenire. «Due sono i compiti che dovrò portare avanti adesso: individuare i candidati e organizzare il tavolo per decidere il da farsi – ha proseguito il candidato sindaco –. I primi saranno scelti tenendo conto di due aspetti: la capacità di dialogare con la gente e la competenza, naturalmente. Per ciò che riguarda il programma, invece, siamo pronti ad accettare chiunque voglia contribuire ad allargare il nostro tavolo, purché abbia a cuore Locorotondo».

Come un corridore consapevole delle proprie forze, Scatigna è partito all’attacco con largo anticipo. Il margine con le altre forze pare già ampio. Ma nessuno, nemmeno lui, ha già vinto. Si attendono ora, quindi, le risposte dagli altri schieramenti politici, chiamati a rispondere con delle proposte serie ed adeguate al compito che le attende: provare a fermare un carro armato già lanciato a forte velocità.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?