Comune vs Blogger. Ciracì: “Ceglie come la Cina”

/ Autore:

Politica



L’onorevole Nicola Ciracì interviene nel dibattito sul monotematico sui blogger cegliesi:

L’idea dell’attuale “fritto misto” maggioranza/minoranza di discutere in un Consiglio comunale monotematico su come imbavagliare i blog locali è davvero imbarazzante (per loro): al tempo in cui internet, coi suoi pregi e i suoi difetti, è sinonimo di democrazia e libertà, a Ceglie Messapica si ripudia il progresso e si sceglie l’oscurantismo. Cosa ancor più preoccupante, non lo si fa soltanto nel Palazzo, ma si pretende di esportare una simile concezione distorta dell’amministrare la cosa pubblica persino fuori dalle sedi istituzionali.

Sinceramente, trovo che qualcosa del genere possa essere partorito solo ed esclusivamente da amministratori inadeguati e fuori contesto, anzi proprio fuori dal mondo. Si parla a vanvera della necessità di porre un freno ai commentatori anonimi sui numerosi – vivaddio! – diari online presenti nella nostra città, ma si portano come esempio opinioni espresse in forma civilissima, ancorché non firmate, da altrettanto civili concittadini. Interventi di sdegno nei confronti dell’operato delle forze politiche che (s)governano Ceglie Messapica, per la pubblicazione dei quali i gestori dei blog si sono già assunti a monte ogni e qualsivoglia responsabilità: non compaiono offese personali, non recano parolacce né bestemmie, ma rappresentano quello che un po’ il “sale” della dialettica politica.

Peraltro vi sono blog di destra e di sinistra, di opposizione e filogovernativi. Personalmente tante volte sono stato oggetto di attacchi gratuiti ad opera di soggetti che hanno creato profili anonimi o hanno addirittura usato il loro per dare sfogo a paure e origini primordiali o semplicemente al timore di perdere le prebende comunali. Li ho sempre seppelliti con una risata o al limite con una pernacchia.

Un politico o un giornalista che arriva a querelare deve avere ragioni fortissime, altrimenti è alla frutta. I blogger cegliesi ci mettono quotidianamente la faccia e noi da cittadini dovremmo essere loro grati. E invece che si fa? Si cerca in qualche modo – di azzittirli, della serie: «Nessuno deve sapere».

Stupisce poi che tra i fautori di questa svolta autoritaria compaia il consigliere Angelo Maria Perrino, che è un giornalista e che per giunta tra i primi ha puntato e tuttora punta sul Web. Un paradosso nel paradosso.

Esprimo solidarietà ai blogger cegliesi e ai cittadini che anche grazie a quei blog fino a oggi hanno potuto dire la loro, tanto a favore quanto soprattutto contro le amministrazioni comunali che negli anni si sono succedute alla guida della città.

Noi ci dichiariamo fermamente contrari e indignati di fronte a questa allarmante deriva medioevale e faremo tutto quanto nelle nostre possibilità per impedire che produca i suoi effetti. Lo dobbiamo al buonsenso, ma ce lo impone soprattutto la Costituzione repubblicana, che – fino a prova contraria – resta in vigore anche in quel di Ceglie Messapica.

Speriamo che i blog continuino a essere quelli che sono sempre stati: dei rompiscatole che fanno sentire i “sapori” di Ceglie alle migliaia di concittadini che vivono sparsi nel mondo. Chiedo scusa a loro per la triste figura che “pochi” stanno facendo fare alla nostra amata città. Credo che anche stavolta ci salverà una pernacchia!


commenti

E tu cosa ne pensi?