Appalto rifiuti ARO TA2: vince Monteco. Esclusa Sangalli/Teorema

/ Autore:

Ambiente


Sembra essere ad un punto di svolta definitivo la gara d’appalto per l’igiene urbana nell’Ambito di Raccolta Ottimale Taranto 2, di cui è capofila Martina Franca. La commissione ha aggiudicato, con delibera 150 del 6 maggio 2016, l’aggiudicazione definitiva all’associazione temporanea d’impresa Monteco – Ciclat – Ciro Menotti, quarta classificata, dopo aver escluso, in ordine cronologico: Si.Eco, Tradeco e Sangalli/Teorema. La prima è stata esclusa per “mancanza dei requisiti di ordine generale […] oltre a non aver prodotto la polizza fideiussoria relativa alla cauzione provvisoria”; la Tradeco è stata esclusa per mancanza del “requisito di ordine generale di cui all’art.38, comma 1 lettera i) del D.Lgs 163/2006“, cioè: “i) che hanno commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in materia di contributi previdenziali e assistenziali, secondo la legislazione italiana o dello Stato in cui sono stabiliti“.

La RTI AVR / Sangalli / Teorema, alla quale era stata aggiudicata provvisoriamente la gara, con la determina n.479 del 11/02/2016, è stata esclusa dopo la verifica dei requisiti, su sollecitazione dell’Autorità Nazionale Anticorruzione che invitava la stazione appaltante a tener conto della delibera sulla situazione dei rifiuti in Puglia, delibera che si può leggere integralmente qui, “nella quale sono stati evidenziati alcuni aspetti di criticità emersi nelle procedure di gara in corso negli A.R.O. pugliesi, tra cui la partecipazione alle gare d’ambito di “operatori economici raggiunti da informativa antimafia interdittiva e/o soggetti a commissariamento, ex art. 32, d.l. 90/2014”, facendo riferimento anche alla ditta Sangalli Giancarlo & C. srl, tra l’altro esclusa nella gara A.R.O. 2/BA ai sensi dell’art. 38, co. 1, lett. c del D.Lgs 163/2006“. Nonostante le memorie prodotte dall’ufficio legale della ditta Sangalli, la stazione appaltante ha ritenuto insufficienti le osservazioni, perchè “non giustificano la contraddittorietà tra quanto dichiarato ex DPR 445/2000, in sede di ostensione dei requisiti soggettivi per la partecipazione alla gara…”.

La gara è quindi stata assegnata definitivamente alla RTI Monteco – Ciclat Ambiente – Soc. Coop Ciro Menotti”, un consorzio di imprese con a capo l’azienda che svolge il servizio di igiene urbana a Lecce. Secondo fonti di Palazzo Ducale, entro un mese potrebbe essere già firmato il contratto, ponendo fine al servizio che, di proroga in proroga, va avanti da oltre vent’anni.


commenti

E tu cosa ne pensi?