Al via la raccolta firme per i referendum sociali: scuola, inceneritori, beni comuni e trivelle

 

Anche presso il nostro comune – Segreteria generale – sarà possibile firmare per le  Proposte di legge di Iniziativa Popolare ai sensi dell’articolo 71 della Costituzione e della legge 352/1970 avente per oggetto:

  • Bloccare il piano per nuovi e vecchi inceneritori, abrogazione parziale dell’Art 35 della legge 133/2014
  • Bloccare nuove attività di prospezione , ricerca e coltivazione di idrocarburi
  • Abrogazione di norme sul potere del dirigente di scegliere i docenti da premiare economicamente sul comitato di valutazione
  • Abrogazione di norme sui finanziamenti privati a singole scuole pubbliche o private
  • Abrogazione di norme sull’obbligo di almeno 400-200 ore di alternanza scuola lavoro
  • Abrogazione di norme sul potere discrezionale del dirigente scolastico di scegliere e di confermare i docenti nella sede

Vediamo nello specifico i  quesiti:

Quesiti scuola

I quesiti referendari sulla scuola chiedono l’abrogazione delle norme sul potere discrezionale del dirigente scolastico di scegliere e di confermare i docenti nella sede e l’abrogazione delle norme sul potere del dirigente scolastico di poter scegliere quali docenti premiare economicamente e, di conseguenza, anche sul comitato di valutazione degli stessi per evitare il pericolo che il cosiddetto “merito” possa creare gestioni clientelari delle assunzioni e porti alla limitazione della libertà di insegnamento. Si vorrebbe inoltre, chiedere, l’abrogazione dell’obbligo di almeno 200/400 ore di alternanza scuola lavoro: l’obbligo dell’alternanza scuola-lavoro,  riduce in pratica, l’insegnamento a favore di attività che la maggior parte delle volte  diventano un vero e proprio lavoro gratuito da parte degli studenti spesso chiamati a svolgere delle prestazioni squalificanti. Si chiede, infine, sempre nell’ambito scuola l’abrogazione dei finanziamenti privati alle singole scuole pubbliche e private poichè i finanziamenti privatistici potrebbero portare competizione tra le scuole, disuguaglianze e favori fiscali per tutti coloro che frequentano istituti privati.

Quesito trivelle

Con questo quesito si intendere chiedere il blocco delle nuove attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi cancellando i riferimenti di alcune zone d’Italia che limitano le attività petrolifere esclusivamente in quei luoghi. In questo modo sarebbe applicabile il divieto di prospezione, ricerca e coltivazione degli idrocarburi a tutta la nostra penisola sia per gli interventi in terraferma che in mare al di fuori delle 12 miglia. Il quesito ora proposto a differenza di quello votato il 17 aprile scorso, riguarda i progetti nelle restante parte del territorio italiano. Il quesito referendario non riguarda, quindi, le concessioni già assegnate dallo Stato Italiano.

Quesito inceneritori  

La raccolta firme in questo ambito intende bloccare il piano che riguarda vecchi e nuovi inceneritori cancellando:

  • la classificazione degli inceneritori come infrastruttre strategiche di preminente interesse nazionale
  • il potere del governo di decidere localizzazione e capacità specifica di 15 nuovi impianti e quello di commissariare le Regioni inottemperanti
  • l’obbligatorietà di potenziamento al massimo carico termico e di riclassificazione e recupero energetico degli inceneritori esistenti
  • possibilità di produrre rifiuti in una Regione e di incenerirli in un’altra
  • il dimezzamento dei termini di espropriazione per pubblica utilità e la riduzione dei tempi per la Valutazione di Impatto Ambientale.

 Quesito acqua pubblica

Con questo quesito  si chiede di riconoscere che l’acqua è un bene comune e quindi la sua gestione non può essere ridotta ai casi di stretta necessità rafforzando i soggetti privati e promuovendo la concorrenza in un settore che reintroduce l’adeguatezza delle remunerazioni del capitale investito nel calcolo delle tariffe applicate.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.