Parcheggi. Grattini sempre esauriti, Lasorsa: “Urge un sistema di pagamento via smartphone”

/ Autore:

Politica, Società



A Martina Franca l’argomento parcheggi resta caldissimo, nonostante i tentativi dell’amministrazione di razionalizzare il tutto e giungere ad una soluzione all’atavica mancanza di posti auto. La Gazzetta del Mezzogiorno sulle colonne dell’edizione odierna dà spazio ad un intervento del vicesindaco Pasquale Lasorsa, che affronta diversi argomenti: extramurale, grattini, tecnologie per il miglioramento del servizio di parcheggio.

E si parte proprio dal centro storico e dall’extramurale, col vicesindaco che presenta alcuni dati riguardanti il forte congestionamento dell’area in questione: “L’intera cintura viaria posta sul perimetro extramurale del centro storico è fortemente congestionata a causa, per un verso dalla presenza di circa 3800 residenti, di attività commerciali e uffici pubblici oltre che per i flussi di turisti che in questi anni, soprattutto nei mesi da aprile a settembre, si riversano sempre in maggior numero nella nostra città”. Una situazione che in pratica penalizza gli esercizi commerciali, vista la scarsa rotazione degli stalli (occupati in maggioranza dai residenti) e il diffusissimo parcheggio in doppia fila, tutte circostanze che portano alla saturazione della circolazione in una città già congestionata di suo.

La Gazzetta poi affronta il discorso Ztl-centro storico, sostenendo che l’amministrazione Ancona sia pronta ad installare un sistema di varchi elettronici per l’accesso all’area limitata, oltre alla realizzazione di nuove aree di sosta a pagamento lungo l’extramurale.

E si arriva quindi al caso più scottante, quello dei grattini perennemente esauriti nelle attività commerciali: “L’attuale gestione in amministrazione diretta con i grattini, va implementata con sistemi elettronici di pagamento della sosta al fine di agevolare l’utenza giovane e quella turistica il cui afflusso è in costante aumento – ha dichiarato Lasorsa alla GdM – per evitare il verificarsi casi, possibili soprattutto nel fine settimana, di mancato approvvigionamento o di disagio nel reperimento dei titoli per la sosta, consentendo di pagare, con carta di credito, solo gli effettivi minuti di sosta attraverso l’utilizzo di un servizio accessibile da smartphone”.

Staremo a vedere se alle parole corrisponderanno i fatti, vista la stagione estiva ormai imminente.


commenti

E tu cosa ne pensi?