Ceglie Messapica: Crisi maggioranza, si va verso un accordo con “Democrazia Cegliese”?

/ Autore:

Politica



Ancora in piena evoluzione la situazione politica a Ceglie Messapica. Alle voci di fine Aprile, che annunciavano cambiamenti nella giunta e tensioni nella maggioranza sono seguiti i fatti. Il colpo di scena nell’ultimo Consiglio Comunale di metà mese, chiamato a votare il bilancio di previsione. Bilancio approvato, non senza conseguenze politiche, con quattro consiglieri di maggioranza che disertano l’aula, Francesco Locorotondo (Ncd), Riccardo Manfredi (Io sto con Caroli), Pasquale Santoro (La Ceglie che mi piace) e Gianluca Argentiero (Insieme per Ceglie). Nei giorni successivi le varie notizie hanno alimentato il dibattito politico cegliese. C’era chi parlava di crisi, ma superabile, altri pensavano ad una crisi ormai profonda e che avrebbe portato ad una definitiva rottura, altri ad un rimpasto di maggioranza con nuove alleanze. Una tappa decisiva per la vicenda è arrivata la settimana scorsa, con l’azzeramento della giunta comunale. Episodio che ha colto di sorpresa l’intera città che a dispetto delle voci non ipotizzava l’arrivo a tale decisione ad un anno esatto dalle elezioni. Il Sindaco Caroli nei giorni precedenti all’azzeramento della giunta comunale aveva palesato tutto il suo rammarico per la decisione dei quattro consiglieri di non presentarsi alla votazione di un documento importante per il futuro della città come il bilancio di previsione, dichiarando più volte che la città non poteva permettersi di ripartire da zero dopo cinque anni di fatti concreti e con progetti in essere fondamentali, tra questi il Pug. L’azzeramento della squadra amministrativa ha subito suscitato le reazioni delle opposizioni e delle altre forze politiche cegliesi. Democrazia Cegliese, gruppo di opposizione nel consiglio comunale, ha mostrato interesse per le idee del Sindaco Caroli, quello di proseguire il lavoro del programma e di non cancellare gli obiettivi raggiunti negli ultimi anni. L’avvicinamento tra il gruppo “Democrazia Cegliese” ed il Primo Cittadino ha di fatto alimentato ulteriormente il dibattito politico all’interno della città. Il Partito Democratico a più riprese ha invitato il Sindaco a verificare effettivamente i numeri della maggioranza e a prendere le giuste decisioni, ribadendo le preoccupazioni più volte presentate all’Amministrazione Comunale, tra tutte quelle relative alla gestione della macchina amministrativa. Vicino alla posizione del Partito Democratico cegliese, il partito di Sel, che ha da subito annunciato di essere opposizione e quindi di non aprire alcun discorso per eventuali consultazioni con il Sindaco Caroli. Consultazioni che sono iniziate già da qualche giorno e che sembrerebbero portare all’entrata in maggioranza dei consiglieri di “Democrazia Cegliese”, condividendo un programma che per i prossimi quattro anni mira a consolidare Ceglie come realtà turistica ma non solo. I quattro consiglieri uscenti dal canto loro ribadiscono le motivazioni della decisione presa, fra tutte, diverse visioni del programma per il futuro di Ceglie. L’accordo tra Sindaco e “Democrazia Cegliese”, sembrerebbe ad un passo, e nelle prossime ore già potrebbero esserci importanti novità.


commenti

E tu cosa ne pensi?