Quattro startup al Centro Servizi di Martina Franca. Assegnati gli spazi

/ Autore:

Economia, Società



A seguito di Delibera di Giunta, con determina dirigenziale, sono stati assegnati, in comodato d’uso gratuito per due anni, quattro spazi del Centro Servizi ad altrettante start up innovative che hanno partecipato all’Avviso Pubblico promosso dal Comune di Martina Franca.

“Si tratta di idee imprenditoriali ed innovative che hanno superato positivamente l’esame della commissione e per cui l’Amministrazione comunale ha stanziato una somma totale di 20 mila euro (5 mila per ciascun progetto) attuando uno degli indirizzi di Governo votato all’unanimità e per cui il Consiglio Comunale aveva stanziato somme. Con queste assegnazioni stiamo dando ulteriore impulso alle nuove attività innovative fornendo loro spazi e contributi utili a rilanciare l’economia cittadina e realizziamo la nostra idea di fare del Centro Servizi un incubatore di idee”, dichiara l’assessore alle Attività Produttive, Nunzia Convertini.

Il primo progetto riguarda l’opportunità di offrire a famiglie, psicologi e centri di terapia per l’autismo uno strumento innovativo per la terapia dei bambini con autismo personalizzato per ciascun minore; un robot realizzato dall’ing. Giuseppe Palestra, caratterizzato da un umanoide mobile in grado di spostarsi nell’ambiente e dotato di braccia meccaniche al fine di effettuare giochi e movimenti che il bambino potrà ripetere durante le terapie.

Il secondo, presentato da Ezia D’Aversa, consiste nella creazione di una società con lo scopo di sviluppare una gamma di servizi basati su un sistema di micro-corriere che operi localmente sul territorio.

Il terzo, ideato da Giovanna Catalano, verte sulla costituzione di una sede operativa attraverso la quale usufruire di strumenti indispensabili di tipo informatico/tecnologico da cui sviluppare la commercializzazione dei prodotti tipici e locali della città di tipo prevalentemente alimentare.

Il quarto, presentato da Valentina Masi, prevede l’attivazione di un laboratorio polifunzionale che dia spazio a più professionisti, diversi in formazione e competenze che, condividendo gli spazi, possano fare esperienza, crescere e farsi conoscere operando in maniera indipendente  in merito ad attività ed obiettivi ma condividendo degli spazi.

Nelle prossime settimane queste nuove imprese prenderanno possesso degli spazi.


commenti

E tu cosa ne pensi?