Concorsi, rifiuti, viabilità. Idealista: “Martina messa allo sbando dalla sinistra”

/ Autore:

Politica, Società



Dubbi sui concorsi, sull’appalto rifiuti, incapacità di gestire le politiche della salute, viabilità e logistica e dirigenti non all’altezza. Idealista commenta così la difficile fase del centrosinistra di Martina Franca, dichiarando “il fallimento di chi ha impostato quattro anni di politica sulle sagre di piazza a spese nostre”:

Questa amministrazione al capolinea ha dato prova del fallimento della gestione del centrosinistra, incapace di creare un concreto rinnovamento della classe dirigente. IdeaLista analizza il particolare momento che sta attraversando la politica cittadina. In questi quattro anni di sinistra a Martina abbiamo visto di tutto: dai dubbi sui concorsi poco trasparenti, al fallimento delle promesse sulle politiche della salute che continuano a mettere in discussione il futuro dell’ospedale cittadino; dalla mancata vigilanza sull’ammissibilità delle aziende risultate vincitrici dell’appalto rifiuti, alle false promesse sulla SS 172 fino al sequestro della strada nel tratto Locorotondo-Martina per mancati interventi sul depuratore. Su questo punto IdeaLista vuole essere chiara: siamo assolutamente contrari alle trincee drenanti e ci opporremo a una soluzione che ci porterebbe indietro di venti anni.

Anni di mancati interventi, di superficialità, di sottovalutazione dei problemi, in cui si sono preferiti interventi di facciata, a volte in favore degli “amici degli amici” (come dichiarato da un attuale assessore di quella Giunta), senza alcuna progettualità, senza alcuna prospettiva di visione futura. Senza essere capaci neppure di rinnovare la macchina amministrativa, con una struttura di dirigenti comunali non all’altezza del compito in una città come la nostra. Di tutto questo mai nessuno se ne assume la responsabilità, anche quando questa ha dei nomi e cognomi, ma siamo sicuri che anche il Prefetto stia prendendo consapevolezza dell’inefficienza amministrativa di questa classe politica di sinistra.

Documenti e atti imprecisi e illegittimi, ordini del giorno confusi, indirizzi che vengono puntualmente disattesi e approssimazione in tutti i settori che stanno portando a una progressiva delegittimazione dell’autorevolezza che questa città si era costruita nel tempo. Oggi, invece, siamo vittima di chi – anche a livello regionale – vorrebbe vederci progressivamente privati della nostra storia, del nostro patrimonio e anche del nostro ruolo politico.


commenti

E tu cosa ne pensi?