Verifica amministrativa a Martina Franca. Sel-SI, PiP e MeP accolgono l’invito del Pd

/ Autore:

Uncategorized


I rappresentanti di Sel – Sinistra Italiana, La Puglia in Più, Moderati e Popolari rispondono all’appello del PD per una verifica amministrativa da avviare dopo la votazione del bilancio di domani. Di seguito la nota congiunta firmata da Elena Convertini, Anna Ancona, Tommaso Caroli, Pino Fedele, Lorenzo Basile, Pasquale Lasorsa e Giuseppe Armadi:

Considerato il patto elettorale del 2012 che ha portato alla vittoria della coalizione del centro sinistra e all’elezione a Sindaco di Franco Ancona. Considerati i quattro anni di buon governo che hanno caratterizzato l’azione politico-amministrativa;

Considerati gli importanti obiettivi di governo raggiunti ( per esempio l’internalizzazione dell’ufficio tributi, le opere pubbliche, la riorganizzazione della macchina amministrativa, il forte rilancio culturale e turistico);

Considerata la necessità di continuare a guidare processi di vitale importanza per il benessere e il futuro della Città che sono in fase avanzata, come il completamento dei procedimenti urbanistici (PUG, e rigenerazione urbana) il nuovo appalto dei rifiuti, l’attivazione della ZTL nel centro storico e il PUT col piano parcheggi.

SEL-Sinistra Italiana, La Puglia in Più, Moderati e Popolari prendono atto del documento politico sottoscritto in data 31 maggio 2016, dagli organi direttivi del PD locale, provinciale e regionale, nonché dal Presidente della Regione Puglia e, condividendo la volontà di ricompattare la maggioranza esistente e consolidarla in un Patto di fine mandato, sono pronti, all’indomani dell’approvazione del documento di bilancio consuntivo e preventivo, ad avviare una verifica politico-amministrativa.

A tal proposito il Sindaco informato di questa volontà, ha confermato la sua disponibilità e impegno a proseguire il percorso di verifica politico-amministrativa, già richiesto dal PD e condiviso ora dall’intera alleanza.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?