Rifiuti, a Martina Franca decine di trasgressori scoperti con le fototrappole

/ Autore:

Ambiente, Società



Mancato rispetto delle norme dettate delle ordinanze sindacali in materia di deposito irregolare e abusivo di rifiuti, anche ingombranti. Elettrodomestici, divani, sedie e tavolini che alcune volte si accumulano a formare vere a proprie isole di raccolta di rifiuti. Cartoline di degrado a cui il Comune di Martina Franca ha deciso di mettere un freno sfruttando appieno le potenzialità dell’occhio elettronico delle fototrappole in dotazione alla Polizia locale:

Una scelta che ha portato ad individuare soggetti che si sono resi protagonisti, a vario titolo, di abbandono, deposito abusivo, conferimento irregolare di rifiuti sul territorio comunale. In tale ambito, gli operatori di vigilanza del nucleo specializzato, coordinati dal Dirigente Pietro Cucumile e dal Capitano Filippo Ruffino, mediante l’utilizzo di specifici dispositivi di individuazione fotografica e video, in grado di riprendere le sole azioni illecite in ogni condizione di meteo ed illuminazione, hanno accertato decine di casi in cui i trasgressori, quasi sempre a bordo di veicoli propri o delle imprese presso cui prestavano servizio, abbandonavano i rifiuti, spesso in zone periferiche e in orari notturni o di primissima mattina, contando sulla possibilità di non essere intercettati.

Nei confronti di quei trasgressori, per i quali è ancora in corso l’accertamento relativo al fatto se i rifiuti siano o meno riconducibili alla propria attività, potrebbe anche seguire la denuncia innanzi al giudice panale.

Oltre all’ausilio dei dispositivi elettronici, il personale appartenente al nucleo di vigilanza ambientale ha in corso un’intensa attività di monitoraggio del territorio che ha portato al censimento di vari siti in cui risultano essere stati abbandonati rifiuti contenenti presumibilmente amianto, pneumatici e altro materiale pericoloso.

È stato, inoltre, individuato l’abbandono di resti da macellazione per il quale sono in corso accertamenti con la collaborazione del Servizio Veterinario della competente ASL.

I controlli continueranno sull’intero territorio comunale, in particolare su quei siti ove quotidianamente vengono segnalate e rilevate situazioni di incivile abbandono di rifiuti.

“Il turismo è ormai una delle nostre maggiori riserve economiche e si nutre, sempre di più, di paesaggio e natura. Salvaguardare queste ricchezze implica  rispetto delle regole ed amore verso la città. Avremo tolleranza zero verso chi, ignorando le possibilità che già il servizio di igiene urbana offre per il recupero di rifiuti ingombranti ed inquinanti, contribuisce a rendere la nostra città sporca e disordinata”, sostiene l’Assessore alla Polizia Locale, Pasquale Lasorsa.

Il nostro scopo non è fare multe o denunce ma ripulire le strade e tutelare l’ambiente e il paesaggio unico che ci circonda. Ci auguriamo che identificare e punire i responsabili costituisca un deterrente a far cessare questi comportamenti gravi e irrispettosi. In questi anni ci siamo concentrati a sensibilizzare le scuole e la città tutta attraverso iniziative ed eventi e lo schiaffo perpetrato da questi incivili alla maggioranza dei cittadini che si impegnano per l’ambiente è un atto vile che va punito e sanzionato. Ricordo che il Comune ha ottenuto 75 mila euro dalla Regione Puglia per la bonifica dei siti inquinati e che a breve sarà bandita la gara”,  dichiara l’Assessore all’Ambiente, Stefano Coletta.

Si ricorda che la Tradeco ritira i rifiuti ingombranti gratuitamente e con una semplice telefonata.


commenti

E tu cosa ne pensi?