Martina Franca commissariata. I dubbi di MartinaInMovimento sulla caduta della maggioranza

/ Autore:

Politica


Il meetup Martina in Movimento – Amici di Beppe Grillo, rammaricato per quanto accaduto, in una nota stampa si interroga su quali possano essere stati i reali motivi della caduta dell’Amministrazione Ancona:

Considerate le differenti versioni della stessa “VERITÀ”, invita i cittadini martinesi, sicuramente non sprovveduti, a riflettere autonomamente su quanto sostenuto dalle parti in causa. Di certo questo scioglimento ci parla di una divisione all’interno della maggioranza, sicuramente determinata dal contrasto tra posizioni incompatibili con gli interessi dell’intera collettività. Non vogliamo che l’amministrazione imputi a questo improvviso scioglimento la mancata realizzazione degli obiettivi prefissati, poiché ha avuto a disposizione comunque quattro anni di tempo. Quindi, ricordiamo che sul fronte riciclo, Martina Franca si colloca tra gli ultimi Comuni in Puglia (si veda “comuni ricicloni 2015” pubblicato da Legambiente). L’amministrazione, nonostante la fortissima campagna pubblicitaria, non è riuscita ad aumentare significativamente la percentuale di differenziata. In questi quattro anni avremmo potuto, con un buon lavoro, raggiungere le percentuali di raccolta differenziata stabilite dalle norme, evitando così sia il costo del conferimento in discarica che l’ecotassa.

Inoltre, la procedura dell’appalto rifiuti, purtroppo, presenta notevoli criticità dovute ai diversi ricorsi posti in essere dalle aziende, che finiranno per ritardare la tanto attesa e promessa partenza del nuovo servizio, che si profila sempre più lontana. Al momento rimaniamo sempre nelle stesse condizioni, con un appalto di 23 anni fa. E il cittadino continua a pagare sempre di più (aumento della tari) un servizio in continuo peggioramento. La situazione dei cassonetti dei rifiuti è rimasta inalterata: molti di questi, ormai obsoleti e fatiscenti, mancano di apposita copertura. Ciò danneggia l’igiene e il decoro urbano. Inoltre, i mezzi, oramai sempre più vecchi, mettono a rischio la sicurezza dei lavoratori.

D’altronde, sin dall’emergenza neve del Natale 2014/2015 (la città rimase bloccata per un giorno intero), questa amministrazione ha mostrato scarsa capacità nella gestione degli eventi imprevisti, culminata nella gestione inefficace del caso Depuratore/ SS 172, ancor oggi irrisolto.

Ci auguriamo che la prossima amministrazione non sia testimone di ulteriori fallimenti e confidiamo che chi ha sbagliato abbia il buon senso di non riproporsi.

Il meetup Martina in Movimento, nel frattempo, continuerà la sua azione di cittadinanza attiva.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?