Bed and breakfast in nero, boom in Puglia. Confcommercio chiede controlli nel tarantino

Bed and breakfast abusivi. A Gallipoli è bastata una giornata di controlli della Guardia di Finanza per far scoprire otto strutture completamente abusive. Un risultato che trova conferma ogni qualvolta scendono in campo le forze dell’ordine, andando a controllare le diverse offerte di camere e posti letto, presenti nelle comunity. Confcommercio Taranto commenta un fenomeno in esplosione, quello delle strutture ricettive in nero:

Da Nord a Sud: le piattaforme turistiche più gettonate sono stracolme di offerte di posti letto in case vacanza e B&B non presenti negli elenchi comunali ai quali devono necessariamente iscriversi le strutture che svolgono attività ricettiva a prescindere se si tratti di attività a conduzione familiare (sino a 9 posti letto) o imprenditoriale (18 posti letto), Legge regionale n.27 del 2013. L’esercizio dell’attività di B&B è consentito previa segnalazione di inizio attività (SCIA) da presentare al SUAP del Comune in cui si trova l’immobile, l’unica differenza tra le due tipologie consiste nell’obbligo di iscrizione al Registro delle imprese della Camera di commercio, al quale sono tenuti i B&B imprenditoriali. Per il resto vi sono una serie di obblighi (tra i quali quello di pubblica sicurezza) ai quali devono attenersi entrambe le tipologie, compreso il rilascio al cliente di una ricevuta, che naturalmente è fiscale nel caso di attività con partita IVA (imprenditoriale), obbligo che riguarda anche le casa vacanza.

A Taranto, ma anche nei comuni della provincia, i Bed and Breakfast cosiddetti familiari ( cioè senza partita Iva) secondo gli elenchi comunali del 2015 sarebbero un centinaio e solo tredici quelli imprenditoriali. Andando a curiosare nell’offerta dei portali si evince una disponibilità superiore a nove posti letto (anche per i B&B inseriti negli elenchi comunali dei non imprenditoriali), e addirittura vi sono presenti  strutture non menzionate negli elenchi. Basterebbe perciò un semplice controllo a campione , come fatto recentemente a Venezia, Bari e la scorsa settimana nella cittadina salentina, per far emergere le irregolarità . A Gallipoli ad esempio si sono effettuate controlli on line su strutture che, monitorate per qualche giorno, sono effettivamente risultate operative benché non autorizzate.  Insomma, è chiaro che questo è un certamente un modo per monitorare un settore, ma ve ne sono altri, che anche a Taranto e in tutta la provincia genera profitti in nero e che rappresenta una forma di concorrenza contro la quale le strutture in regola (alberghiere e non) sono perdenti.

Taranto non può essere diversa dalle altre città della Puglia, dove la vocazione turistica si misura anche nelle azioni di tutela che le istituzioni mettono in campo in difesa del tessuto imprenditoriale sano. L’auspicio è questa volta (l’ennesima) l’appello di Confcommercio non cada nel vuoto e che chi istituzionalmente ‘deve’ faccia il suo compito, mettendo in campo una adeguata strategia.

(fonte foto: google)

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.