Vasca Pilone, Zizza: “Dopo 5 mesi la Regione non mantiene le promesse e si tira indietro”

/ Autore:

Ambiente, Politica


“Vasca dei liquami a Pilone, Emiliano disattende gli impegni, nessun margine di trattativa con la Regione per salvaguardare una delle spiagge più belle della Puglia” è quanto afferma il senatore Vittorio Zizza dei Conservatori e Riformisti dopo cinque mesi di silenzio da parte del governatore della Puglia sulla costruzione di una vasca dei liquami a ridosso del litorale ostunese “Il Pilone”.

Nel mese di Marzo si erano svolte presso la Commissione Ambiente del Senato diverse audizioni per cercare di far luce sulla questione relativa alla realizzazione della vasca di raccolta di liquami presso il litorale ostunese “Il Pilone”. Il progetto, esaminato in sede di audizioni, era quello proposto dall’Acquedotto Pugliese e vedeva la contrapposizione del Comune di Ostuni, rappresentato nella persona del Sindaco Gianfranco Coppola, e del Comitato Salvaguardia del Pilone, nonchè dei cittadini che si erano mobilitati per evitare che a ridosso di una delle spiagge più belle del Salento sorgesse una vasca di sollevamento raccolti di liquami.

Le audizioni si conclusero con l’impegno da parte dell’Aqp di presentare un progetto comparativo al fine di valutare la possibilità di realizzare dei progetti alternativi che avessero un minore impatto visivo ed ambientale.
In sede di audizioni le parti avevano concordato l’opportunità di procedere, prima di prendere una decisione definitiva, con una conferenza di servizi fra gli organi interessati. Questi erano gli accordi fra il Comune di Ostuni, L’Aqp e la Regione Puglia, la quale si era dimostrata disponibile a rimettere sul tavolo i vari progetti alternativi a quello presentato dall’Acquedotto per una rivalutazione tecnica.

“Oggi, a distanza di quasi cinque mesi, la Regione disattende gli impegni assunti precedentemente- sottolinea il senatore dei Cor- la dichiarazione fatta dall’Assessore ai Lavori Pubblici, Giovanni Giannini, dimostra la non disponibilità da parte dell’Amministrazione regionale di riaprire alcuna conferenza di servizi per la vasca del Pilone”.
Nei giorni scorsi si è svolto un incontro fra il primo cittadino della Città Bianca e l’Assessore regionale, per la Regione non esisterebbero margini di trattativa.

“Ancora una volta la Regione Puglia, contravvenendo agli impegni assunti di fronte alla popolazione, non mantiene le promesse dimostrando di non voler ascoltare la comunità che dovrebbe oltremodo rappresentare e di non voler tutelare e salvaguardare una delle coste più suggestive del Salento da un progetto che ne deturperebbe la bellezza- conclude Zizza- Il lavoro in Commissione continuerà, e inizieremo a comparare i vari progetti. Se Emiliano non vuole fare la conferenza dei servizi, faremo noi il lavoro in Commissione, tutelando gli interessi dei cittadini e salvaguardando il territorio”.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?