Viabilità. Idealista: “Strade rotte e caos. Ecco l’eredità dell’amministrazione Ancona”

/ Autore:

Politica



“Viabilità colabrodo: ecco le incompiute dell’Amministrazione”. Inizia così la nota stampa di Idealista sulla situazione viaria di Martina Franca, considerata “Un fallimento politico fatto di strade rotte, traffico bloccato, viabilità paralizzata e tempi biblici per via Mottola”:

È un’eredità che ci saremmo voluti tenere lontana volentieri, quella lasciata dalla disciolta Amministrazione Comunale. Difficile da comprendere cosa stia nascendo in via Mottola, quello che è certo al momento sono i disagi, le lunghe code, una strada ridotta di dimensioni e non vogliamo neppure immaginare cosa succederà quando arriveranno le piogge in un quella zona caratterizzata dal rischio idrogeologico, senza parlare dei tempi biblici per il completamento dell’opera. È l’ennesima incompiuta di un’Amministrazione approssimativa, capace di costruire un parco giochi per bambini accanto a una vasca di decantazione delle acque di fogna, a ridosso della strada più trafficata della città, tra smog e auto.

Un’Amministrazione che ha impiegato due anni per completare la rotatoria in via dello Stadio. Molto peggio hanno saputo fare con la rotatoria di via Leone XIII dove, nonostante le continue sollecitazioni, non si è riusciti neppure a completarla, lasciandoci in eredità una struttura in plastica ormai priva di alcuna forma.

Ma questa ex Amministrazione verrà ricordata anche per il blocco della SS 172, che tanto danno sta creando all’economia della nostra città. Sembrerebbe che la soluzione finalmente individuata consista in una bretella costruita parallelamente accanto al tratto sequestrato.

IdeaLista aveva auspicato la realizzazione di un terrapieno ai due bordi della strada per mettere in sicurezza la carreggiata. La bretella, invece, è un ulteriore danno ambientale al danno ambientale che già c’è, un ulteriore consumo di suolo senza risolvere il problema. Inoltre realizzando quella bretella si rischia di dimenticare – e quindi di non risolvere – il problema depuratore. La soluzione proposta da IdeaLista, quella del rinforzo dei muri di sostegno, invece, avrebbe permesso l’utilizzo della strada che c’è già senza incidere ulteriormente sull’ambiente circostante.


commenti

E tu cosa ne pensi?