Ceglie Messapica: Archiviata la spystory al Comune

/ Autore:

Cronaca, Politica, Società



Nessun caso di spionaggio. E’ quanto deciso dalla Magistratura sulla vicenda risalente al 18 Novembre 2013, quando il Sindaco Luigi Caroli querelò un dipendete comunale accusandolo di aver violato gli accessi alle e-mail di colleghi ed amministratori. Dopo quasi tre anni, il caso è stato archiviato con “infondatezza del reato”. Ad essere querelato dal Sindaco Caroli fu Giuseppe Amico, dirigente dell’Area di innovazione tecnologica e servizi sociali. Lo stesso Amico fu accusato dal Sindaco di aver effettuato, attraverso le credenziali di amministratore del sistema, diversi accessi nelle caselle postali di colleghi, impostandosi come “alias”. In questo modo si poteva avere accesso a tutta la posta in entrata e in uscita ed a tutte le attività amministrative. Fin da subito partirono le indagini dei carabinieri, con verifiche anche sul computer di Amico per verificare eventuali manovre illecite. Queste però non hanno portato ad alcuna attività non consentita, tanto da far scattare l’archiviazione, così come recita la sentenza “Da escludere un accesso abusivo al sistema informatico del Comune di Ceglie Messapica, in quanto l’indagato Amico era delegato appositamente ad accedere a tale sistema, quindi non ipotizzabile una lesione dell’inviolabilità del domicilio informatico”. Decisive per questa conclusione della vicenda, sia la procedura difensiva, sia gli interrogatori fatti da Amico che per la magistratura sono risultati “idonei a smentire le accuse”. Con l’archiviazione del caso si conclude anche l’esperienza di Amico presso il Comune di Ceglie Messapica. Pochi giorni fa lo stesso ha presentato le dimissioni accolte dal responsabile di area.


commenti

E tu cosa ne pensi?