Passaggi a livello malfunzionanti. Zizza interroga il governo: nel mirino anche la Lecce-Martina

/ Autore:

Politica


Passaggi a livello malfunzionanti, il senatore Zizza interroga il Ministro dei Trasporti: “Qui si rischia l’ennesima tragedia annunciata, urge un provvedimento”:

“Passaggi a livello nei centri abitati e oltre più mal funzionanti, un costante pericolo per i cittadini, urge un intervento da parte del Governo” così il senatore dei Conservatori e Riformisti, Vittorio Zizza, presenta una interrogazione urgente interroga al Ministero dei Trasporti.

“Sono ancora vive in tutti noi le immagini terribili del disastro ferroviario nella linea NordBarese Andria-Corato, una delle più gravi tragedie ferroviarie in Italia- dice Zizza- Ora, ad un mese di distanza dalla tragedia, si segnalano in molti comuni, Mesagne, Latiano, Erchie, Carovigno(Serranova), San Pancrazio Salentino, disservizi e il non corretto funzionamento dei passaggi a livello delle varie stazioni ferroviarie della tratta Lecce – Martina Franca. Mi chiedo come si possa ignorare un simile pericolo”.

“Ci segnalano ogni giorno treni che passano indisturbati nelle aree abitate con il pericolo di travolgere autoveicoli in transito- continua il senatore del CoR-  non si tratterebbe, quindi, di singoli, seppur gravissimi, episodi bensì di una prassi consolidata. Tutto questo continua a verificarsi in prossimità dello svincolo Erchie- Manduria- SanPancrazio, dove, ad esempio i cittadini hanno segnalato che i treni sfrecciano, senza che il passaggio a livello funzioni, attraversando la strada principale del paesino proprio nel centro abitato. Incidenti simili si sono anche riscontrati nel tratto ferroviario fra Erchie- Avetrana”.

“Alla luce di queste segnalazioni ho intenzione di chiedere al Ministro competente se sia a conoscenza di questa gravissima situazione- conclude Zizza- e quali provvedimenti intenda attuare per verificare il funzionamento dei passaggi a livello nei comuni sopra elencati al fine di scongiurare il rischio di altri incidenti”.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?