FSE: disagi sulla Martina Franca-Taranto. Perrini chiede l’intervento della Regione

/ Autore:

Politica, Società



Dopo mesi e mesi di disservizi, segnalazioni, passaggi a livello aperti e scandali legati ai “treni d’oro” della polacca Pesa, il consigliere regionale Renato Perrini chiede ufficialmente un intervento della Regione sulla tratta Martina Franca-Taranto, che oltre al capoluogo della Valle d’Itria interessa anche i comuni di Crispiano e Statte:

Ora basta! I disservizi devono finire. Continuo a ricevere segnalazioni da parte dei viaggiatori, pendolari e studenti, che usufruiscono delle Ferrovie del Sud Est. E’ da oltre un anno che vengono riscontrati disagi per i passeggeri, ed è da un anno appunto, in pratica sin da quando mi sono insediato come consigliere regionale, che mi rivolgo agli esponenti del Governo regionale per trovare delle soluzioni definitive. Sono alla terza interrogazione, l’ultima in ordine di tempo è quella che presento stamattina con la quale chiedo che la Regione si attivi in via definitiva nei confronti della società concessionaria, al fine di garantire i servizi e la sicurezza dei viaggiatori pendolari.

Il numero dei passeggeri dalla riapertura degli istituti scolastici è aumentato; studenti e lavoratori pendolari di Statte, Crispiano, Martina Franca, oggi affollano per necessità i convogli, ma vengono trattati come se fossero su carro bestiame. Nonostante le continue rassicurazioni arrivate nelle ultime settimane da parte dell’assessore regionale ai Trasporti, dopo la protesta scoppiata a fine estate, centinaia di persone continuano a viaggiare in condizioni di notevole difficoltà a causa di continui guasti tecnici, ai quali non si riesce a porre rimedio. In particolare è la circolazione da e verso Martina Franca ad essersi nuovamente paralizzata, come io stesso ho potuto verificare negli ultimi giorni salendo insieme agli studenti sui treni; una paralisi che congestiona tutto il traffico della Valle d’Itria e dei paesi ad essa confinanti. I nostri ragazzi viaggiano in condizioni intollerabili senza la minima sicurezza. E’ arrivato il momento di dire basta, i viaggiatori sono stanchi e arrabbiati e annunciano proteste ben più plateali. Bisogna intervenire con rapidità per riportare alla normalità il servizio.


commenti

E tu cosa ne pensi?