Ceglie Messapica: Riparte il programma dell’Unitre. Parla il Presidente

/ Autore:

Società



Si rinnova l’appuntamento con l’Unitre di Ceglie Messapica. Per il nuovo anno accademico tante le novità in programma come spiega il Presidente dell’Unitre messapica, Pietro Maggiore: “Anche quest’anno rinnoviamo un appuntamento importante” – commenta il Presidente dell’Unitre. “Ogni anno riusciamo ad avere un seguito importante, a dimostrazione della bontà del lavoro che proponiamo. Per il nuovo anno accademico abbiamo scelto diverse tematiche così da richiamare l’attenzione dei nostri affezionati e di tutti coloro che vorranno intraprendere questo cammino“. Numerose attività in programma: “Grazie anche alle proposte dei nostri collaboratori e di tanti iscritti alla nostra sezione, quest’anno abbiamo ulteriormente ampliato le nostre proposte” – continua il Presidente Maggiore. “Abbiamo cercato di unire tradizione e attualità in diverse tematiche così da proporre un programma che possa trasmettere qualcosa di concreto al termine del nostro percorso. Analizzeremo diverse tematiche di attualità che nel corso dei mesi si presenteranno, altre già in programma come aspetti dell’economia delle nostre città o aspetti legali abbinati alla cultura sono già in programma. Ci sarà ampio spazio per corsi di inglese, che quest’anno rappresenterà un ulteriore step rispetto alle scorse edizioni, e di informatica. Non mancherà il corso di cucina con esperti della Med Cooking School che riproporranno per noi ricette della tradizione, che sarà omaggiata anche con diversi corsi di cucito. Come ogni edizione ci sarà spazio per dibattiti su temi importanti sia della nostra città, sia del territorio oltre a dibattiti di natura storica e culturale“. Già numerose le iscrizioni per il nuovo anno accademico: “Anche quest’anno confermiamo i numeri delle scorse edizioni e credo che addirittura miglioreremo in questo senso. Speriamo di poter richiamare ogni anno tanti appassionati perché cerchiamo sempre di proporre tanti temi e attività interessanti”. 


commenti

E tu cosa ne pensi?