La personale fotografica della locorotondese Antonella Posa in mostra a Martina Franca

/ Autore:

Società


 

Sarà inaugura questa sera alle ore 20:00 a Manufacta, Martina Franca,  la personale fotografica di Antonella  Posa “Amarantha. Nuance des Corps”.

Si tratta di un insieme di immagini rappresentanti come protagonista il corpo femminile nel suo insieme, nel suo essere, nelle sue sfumature delicate, nei suoi difetti marcati, nel suo amalgamarsi con la natura. Nel suo riprenderne le linee, i contorni, le forme.

“La ricerca del titolo- spiega l’ideatrice della mostra-  è nata dal primo nome, Amarantha, dal latino amarantus o amaranthus, adattamento del greco Amàrantos che significa “che non appassisce”.
In italiano il significato cambia e si trasforma nel nome amaranto: pianta ornamentale o colore, rosso scuro. Successivamente “Nuance des Corps “ che letteralmente si traduce come: “sfumatura del corpo”
il prodotto finale ne traduce il risultato ” sfumatura del corpo che non appassisce” .

“La mostra è materializzazione di un pensiero, di situazioni vissute- continua Antonella Posa- nasce dall’idea di voler esternare qualcosa che è insito nella mia persona. È una dedica intima, relativa ad una parte della mia vita.  Il bianco e nero è una scelta voluta che rappresenta l’esaltazione di ombre, all’interno delle quali è sempre più facile nascondersi. Il colore viene celato per non far distrarre il visitatore dal mero significato della mostra”.

La mostra sarà visitabile dal 17 al 26 dicembre presso l’Ospedaletto a Martina Franca  durante l’evento Manufacta Christmas Edition e seguirà i seguenti orari  dalle 10.00 alle 13:00 e dalle 17:00 alle 24:00

“Ho scelto di rappresentare la mostra a Martina Franca – conclude l’artista locorotondese-  poiché ciò rappresenta, in parte, un evasione dai luoghi e dai ricordi che hanno fatto nascere la mostra. Ma soprattutto spostarsi, conoscere, far conoscere e farsi conoscere è un modo per legare delle realtà e creare in questo modo un ponte all’interno del mio territorio che unisca attraverso l’arte.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?