Meningite: in Puglia nessun allarme. Le prescrizioni dell’ASL Taranto sulla vaccinazione

/ Autore:

Società


Tra gli agenti batterici che causano la meningite il più temuto è la Neisseria meningitidis (meningocco), oltre allo Streptococcus pneumoniae (pneumococco) e all’Haemophilus influenzae. Del meningococco esistono diversi sierogruppi: A, B, C, Y, W135, X.

I bambini piccoli e gli adolescenti, ma anche i giovani adulti, sono a rischio più elevato di contrarre l’infezione e la malattia. Per quanto riguarda il sierogruppo B, la maggior parte dei casi si concentra fra i bambini più piccoli, al di sotto dei due anni di età.

Il più aggressivo è il meningococco di sierogruppo C, che insieme al B è il più frequente in Italia e in Europa. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, nel 2015 si sono verificati in Italia quasi 200 casi di malattia invasiva da meningococco, la maggior parte dei quali causati dai sierogrupppi B e C. Non esistono persone più a rischio di altre, la meningite può colpire sia bambini piccoli che adolescenti, ma anche i giovani adulti. Fa eccezione il sierogruppo B i cui casi si concentrano soprattutto fra i bambini più piccoli, al di sotto dell’anno di età.

Nella nostra Regione i casi di meningite e sepsi da (Neisseria meningitidis, Streptococcus pneumoniae ed Haemophilus influenzae) restano bassi e costanti negli ultimi anni (2014-2015-2016) rispetto alle altre regioni italiane nelle quali si stanno verificando i casi di meningite.

VACCINAZIONE PER I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI

  • I vaccini oggi a disposizione contro il meningococco sono tre. Innanzitutto quello coniugato contro il meningococco di sierogruppo C (MenC): è il più frequentemente utilizzato, e protegge solo dal sierotipo C. La vaccinazione contro il meningococco C è raccomandata ed offerta gratuitamente nella nostra regione dai nati nel 1995 e prevede una sola dose a 13 mesi.
  • Il vaccino contro il meningococco di tipo B: protegge esclusivamente contro questo sierogruppo, nella nostra regione è raccomandato ed offerto gratuitamente ai bambini nel primo anno di età a partire dai nati nel 2014.
  • Il vaccino coniugato tetravalente, che protegge dai sierogruppi A, C, W e Y è consigliato per gli adolescenti che non sono stati vaccinati da piccoli contro il meningococco C, nella nostra regione è raccomandata ed offerta gratuitamente negli adolescenti a partire dai nati nel 2000.
  • Al di fuori delle fasce di età sopracitate, il vaccino è fortemente raccomandato in persone a rischio o perché affetti da alcune patologie (talassemia, diabete, malattie epatiche croniche gravi, immunodeficienze congenite o acquisite etc.) o per la presenza di particolari condizioni (lattanti che frequentano gli asili nido, ragazzi che vivono in collegi, frequentano discoteche e/o dormono in dormitori, reclute militari, e, per chiunque debba recarsi in regioni del mondo dove la malattia meningococcica è comune).
  • Per quanto riguarda i vaccini contro gli altri agenti batterici responsabili della meningite, la vaccinazione contro Haemophilus Influenzae B (emofilo tipo B) è effettuata, gratuitamente, con il vaccino esavalente (insieme a quella antitetanica, antidifterica, antipertosse, antipolio e anti epatite B) al 3°, 5° e 11° mese di vita del bambino, come da calendario vaccinale italiano. Non sono necessari ulteriori richiami. La vaccinazione contro Streptococcus pneumoniae (pneumococco) è offerta gratuitamente e va somministrata in 3 dosi, al 3°, 5° e 11° mese di vita del bambino.

VACCINAZIONI PER GLI ADULTI E ULTRASESSANTACINQUENNI

  • La vaccinazione antimeningococcica negli adulti non è raccomandata. E’ fortemente raccomandata solo per chi soffre di particolari patologie (talassemia, diabete, malattie epatiche croniche gravi, immunodeficienze congenite o acquisite etc.) insieme alla vaccinazione contro l’antipneumococco (Streptococcus pneumoniae), quest’ultima raccomandata anche per gli ultrasessantacinquenni ai quali è nella nostra Regione da diversi anni offerta gratuitamente presso il proprio medico di base.

RACCOMANDAZIONI ALLA POPOLAZIONE

  • Pertanto alla luce di quanto descritto si evidenzia che nella nostra regione non sussiste alcuna emergenza per la meningite. E’ necessario informarsi presso i propri Pediatri di Libera Scelta e i Medici di Medicina Generale del proprio stato vaccinale verificando che le vaccinazioni contro la meningite siano state eseguite secondo come previsto dal Calendario Vaccinale Regionale. I soggetti con più di 65 anni e i soggetti affetti da particolari patologie (talassemia, diabete, malattie epatiche croniche gravi, immunodeficienze congenite o acquisite etc.) possono rivolgersi dal proprio Medico di Medicina Generale per verificare il proprio stato vaccinale contro le malattie da pneumococco il cui vaccino può essere eseguito gratuitamente.

commenti

E tu cosa ne pensi?