Se il PD si divide, chi sosterrà Ancona?

/ Autore:

Editoriali, Elezioni Amministrative 2017, Politica



Il Partito Democratico è sull’orlo di una scissione. Emiliano, Rossi e Speranza comunicano che se questo avverrà, la responsabilità sarà di Renzi. Al netto delle connotazioni politiche a livello nazionale, questa scelta avrà immediate ricadute in ambito locale. Franco Ancona, individuato come candidato esterno per Palazzo Ducale, da quale parte politica sarebbe sostenuto? Probabilmente dalla sinistra Pd, gli ex DS, mentre la parte renziana, che farebbe riferimento a Pentassuglia, potrebbe finalmente sentirsi libera di trovare altre strade. Nel frattempo, anche Sinistra Italiana ha individuato il nuovo leader: Nicola Fratoianni, braccio destro di Vendola, coordinatore dei giovani di Rifondazione Comunista, che sulle possibili alleanze col PD ha idee ben chiare: no assoluto. E no anche ad alleanze con la sinistra PD, a meno ché non stacchino la spina al governo Gentiloni. Ma Palazzo Ducale val bene una messa, considerando che un candidato sindaco espressione di DS + Rifondazione (e loro discendenti), è un sogno mai sopito degli esponenti storici della sinistra locale, sempre disatteso dalle aperture del gruppo Ancona-Scialpi-Micoli verso le istanze più moderate. La memoria, in questo caso, aiuta, lo scenario che si sta delineando, almeno al momento, ripropone una composizione che ricorda molto quello della Prima Repubblica, considerando che proprio l’esistenza del PD garantiva l’afflato bipolarista che non ha più senso di esistere.


commenti

E tu cosa ne pensi?