Espose la bandiera con la croce celtica. Per il gip non è reato

/ Autore:

Cronaca



Esporre una bandiera con la croce celtica non è reato, se questa non è “accompagnata da condotte che mirino ad influenzare l’altrui volontà e a orientarla verso un fine pratico”. La notizia curiosa, riportata dal Nuovo Quotidiano di Puglia di oggi, racconta la storia di un trentacinquenne di Martina Franca che il 25 aprile scorso era stato denunciato dalla Polizia di Martina Franca per aver esposto la bandiera con la croce simbolo dei movimenti di estrema destra.  La Procura, su segnalazione degli agenti della Polizia di Martina Franca, aveva chiesto un decreto penale di condanna, ma il gip Benedetto Ruberto ha respinto la richiesta del pm.

“Con un articolato provvedimento, il giudice per le indagini preliminari ha sostanzialmente spiegato che nel caso in questione si era nell’alveo della libertà di pensiero manifestata dall’uomo che aveva esposto la bandiera” si legge sul Nuovo Quotidiano. Il gip avrebbe sostanzialmente recepito una recente sentenza della Cassazione: “tuttavia – si continua a leggere sul Nuovo Quotidiano – perchè sia effettivamente integrato il delitto è necessario che il comportamento di un soggetto tenda a diffondere idee tali da condizionare la psicologia di un vasto pubblico «in modo da raccogliere adesioni intorno all’idea propagandata»”.

In sostanza, se si espone una bandiera di un movimento politico di estrema destra, i cui ideali sono considerati incostituzionali, è semplicemente libertà di pensiero. Questa sentenza è senz’altro destinata a far discutere. La bandiera è stata comunque sequestrata e distrutta.


commenti

E tu cosa ne pensi?