Elezioni 2017 a Martina Franca. Il centrosinistra si fa attendere

/ Autore:

Editoriali, Elezioni Amministrative 2017, Politica



Con la candidatura di Eligio Pizzigallo, sostenuto da una coalizione di centrodestra, e quella in attesa di ufficializzazione di Pino Pulito, per Forza Italia, la partita si sta definendo. Tralasciando i salviniani e lo spezzettato Movimento 5 Stelle locale, solo dal centrosinistra si attende chiarezza in merito alle scelte elettorali. Il Pd aveva dato mandato a Franco Ancona di sondare possibili alleanze, dando come scadenza all’ex sindaco il 28 febbraio scorso. Nel frattempo sono stati attivati i tavoli programmatici. Secondo quanto si sa, i risultati del sondaggio non sono stati condivisi con l’assemblea PD, a cui si dovrebbe dar conto. Peccato però che in questi giorni il partito di Renzi è impegnato in una battaglia interna, a livello nazionale, per le primarie congressuali. A Martina Franca, comunque, a scanso di equivoci, e proprio per fugare dubbi rispetto all’incapacità del Partito Democratico di trovare al suo interno un possibile candidato d’alternativa, l’ex sindaco si è tesserato.

Rimane, comunque, il nodo sulla sua candidatura, considerando che a sostegno di Franco Ancona in questo momento c’è il Pd, Sinistra Italiana (che è in procinto di perdere pezzi importanti) e il movimento Visione Comune. Il Pd non è però al completo: un pezzo importante è ancora alla finestra a guardare, mentre i dissidenti della prima ora sono già confluiti a rinforzare le fila di Eligio Pizzigallo.

La posta in gioco non è la sindacatura 2017-2022, ma il Piano Urbanistico, interessi milionari e la città da ripensare completamente. Martina Franca si gioca in poche settimane i prossimi trent’anni e dovrà decidere se pensarsi al futuro o rigirarsi nel passato (di qualunque colore sia).

 


commenti

E tu cosa ne pensi?