Agenda elettorale. Inaugurato il comitato di Boccia, MVC chiama a raccolta la città

/ Autore:

Elezioni Amministrative 2017, Politica



Con l’arrivo di maggio il clima elettorale a Martina Franca inizia decisamente a scaldarsi. Fra inaugurazioni di comitati, manifesti programmatici e incontri pubblici la città inizia infatti a prepararsi alle elezioni del prossimo 11 giugno, che decreteranno il successore di Franco Ancona.

Parlando di comitati, ieri sera Guglielmo Boccia ha ufficializzato la sua candidatura a Consigliere Comunale in Forza Italia a sostegno del candidato sindaco Pino Pulito, presente assieme a Mario Caroli all’inaugurazione del comitato elettorale. “A otto anni dal primo debutto in politica – dichiara Boccia – torno a vivere in prima linea le prossime elezioni amministrative, attraverso la scelta di una candidatura che prosegue l’impegno politico profuso in questi anni, prima come Coordinatore Comunale per La Destra di Storace e da qualche mese come Responsabile Cittadino degli Enti Locali di Forza Italia. Un passaggio importante, dettato dai cambiamenti che hanno coinvolto il Centrodestra, ma pur sempre caratterizzato da una coerente adesione agli ideali di questa grande forza politica, pronta a rimettersi in gioco anche a Martina Franca”.

E parlando di Martina un altro movimento politico – Martina Visione Comune – ha diffuso in mattinata una nota programmatica a supporto del proprio candidato sindaco, l’ex primo cittadino Franco Ancona: “E’ partita dal basso la Rivoluzione Gialla del movimento politico Martina Visione Comune. Una rivoluzione fatta di persone che hanno deciso di impegnarsi in prima linea per le prossime elezioni amministrative che daranno alla città una nuova amministrazione. Una rivoluzione gialla che non vuole rompere con il passato, tanto da avere individuato nel candidato sindaco Franco Ancona la persona più vicina alle proprie idee e aspettative. Ma che allo stesso tempo, pur nella continuità, vuole apportare nuovo slancio e nuovo entusiasmo per rilanciare le tematiche decisive per lo sviluppo della città nel prossimo futuro, a partire da una visione condivisa. Giallo è il colore dell’impegno, della solarità, delle trasparenza e della voglia di essere protagonisti attivi e non semplici comparse della grande avventura che si chiama Martina Franca.

Di quel cammino che si è bruscamente interrotto circa un anno fa, il nuovo progetto di MVC riconosce i risultati positivi, il forte impegno e il lavoro di squadra nel Governo di Martina attuato nel corso dei quattro anni precedenti. Ma allo stesso tempo vuole individuare gli aspetti che vanno migliorati, sviluppati, rivisti e rilanciati con decisione. E’ il giallo della voglia di pensare e agire in rete che ha convinto a mettersi in gioco in prima persona professionisti, imprenditori, dipendenti del pubblico e del privato, rappresentanti della società civile che mai prima d’ora si erano affacciati direttamente all’attività politica in senso stretto. Un movimento aperto e plurale formato da persone libere e indipendenti, con diverse esperienze e diversa formazione, dunque, che hanno a cuore lo sviluppo della città. Prima di giungere a presentarsi agli elettori per proporre la rivoluzione gialla, il movimento Martina Visione Comune si è organizzato in tavoli di lavoro, per individuare i tasselli del grande puzzle che compone il tessuto sociale ed economico della città. Produzione, cura della bellezza, cultura e formazione, servizi e inclusione sociale, open data, trasparenza e cittadinanza attiva sono stati i principali temi trattati in questa fase di startup del movimento. Che non è chiuso in se stesso, ma aperto a tutti i cittadini che vogliano dare il proprio contributo positivo, la propria adesione libera e indipendente, comunicare la propria esperienza, studiando, ricercando e partecipando alle attività nei diversi gruppi di lavoro. Un gruppo di persone dove il pronome dominante è il “noi”, colorato di giallo come l’entusiasmo di chi vuole cambiare sul serio. La rivoluzione gialla è partita. Chi viene con noi?”


commenti

E tu cosa ne pensi?