Commercio. Nasce il Comitato di Corso Messapia: domenica prima iniziativa

/ Autore:

Economia


Nasce a Martina Franca un nuovo comitato di commercianti, per dare slancio all’economia e favorire l’organizzazione di eventi per promuovere il territorio. Di seguito nota del nuovo comitato di Corso Messapia:

Nuova vita in Corso Messapia: i commercianti si riuniscono in un comitato spontaneo per provare a innovare il commercio in zona, cuore pulsante dell’economia martinese legata al commercio. La prima iniziativa è domenica, in occasione della festa della mamma: i commercianti di Corso Messapia invitano le mamme a festeggiare con loro dalle 18 alle 21 di domenica 14 maggio prossimo, quando ci sarà la prima apertura straordinaria delle attività commerciali della zona. Quaranta sono le attività che hanno aderito al gruppo Corsomessapiaedintorni, con l’intento di promuovere il quartiere con il più alto tasso di stile di Martina Franca, ambiziosamente proiettati a diventare attrazione turistica. “La nostra cittadina di domenica è piena di persone che vengono ad ammirare le nostre bellezze” commentano Emanuela Schiavone e Sara Gioiello, promotrici dell’iniziativa, “e abbiamo pensato di offrire loro non solo la possibilità di scattare foto nel centro storico, ma anche di portarsi a casa qualcosa di bello, di particolare, che solo le attività di Corso Messapia possono offrire. L’apertura di domenica, solo per tre ore, vuole essere un messaggio a tutto il tessuto economico martinese, a tutta la città, affinché inizi a ragionare in maniera nuova sul fare impresa, anche commerciale. Se puntiamo al turismo, all’accoglienza, è tempo di riflettere anche sul nostro lavoro”. In occasione della Festa della Mamma saranno offerte a tutte le mamme che faranno acquisti nelle tre ore di apertura straordinaria una bellissima piantina. “Quella di domenica è la prima di una serie di aperture che abbiamo messo in programma” continuano le due commercianti, “Le prossime aperture saranno il 2 e l’11 giugno, il 2 e l’11 luglio e il 13 agosto”.

(fonte foto: la rete)

commenti

E tu cosa ne pensi?