Oliva invita Scatigna a un confronto pubblico

/ Autore:

Politica



 

Si torna nuovamente a discutere della questione privatizzazione del Cimitero di Locorotondo.  Dopo la notizia del comizio in piazza  V. Emanuele del primo cittadino di Locorotondo previsto per questa sera, il consigliere Giovanni Oliva con un video messaggio ha invitato il primo cittadino a un confronto pubblico su questo tema scottante.

“Caro Tommaso Scatigna-  comincia così il video messaggio-  ti aspetto venerdì sera in piazza Emanuele  alle ore 19:00 per confrontarci insieme sul progetto del cimitero,  aspetto insieme a te anche il dottor Vincenzo  Fornaro e la titolare della ditta Manuela Palmisano, per far capire ai cittadini cosa rappresenta questo progetto per i cittadini di Locorotondo, ho saputo che farai un comizio alle ore 20:00, spero vivamente che tu cambi idea perché i cittadini hanno bisogno di conoscere il progetto e questa cosa può avvenire solo ed esclusivamente attraverso  un confronto fra chi è per il Sì e chi per il No, e non attraverso comizi. In caso contrario ti auguro un buon comizio alle ore 20:00 perché Porta Nuova ne farà uno alle ore 22:00”.

Sicuramente non ci sarà nessun confronto pubblico tra i due,  chissà se ci sarà la piazza delle grandi occasioni.

Intanto, questa mattina  Porta Nuova ha comunicato che sarà  possibile votare anche  online sul sito www.portanuova.org per la privatizzazione o meno del cimitero comunale. “È necessario​- si legge sulla pagina Facebook del Gruppo-  registrarsi sulla piattaforma entro sabato 20 maggio alle ore 22.00 seguendo le istruzioni. Sarà possibile votare online dalle ore 9.00 alle ore 21.00 di domenica 21 maggio 2017”.

Ricordiamo che per la consultazione cittadina proposta da Porta Nuova sarà possibile votare domenica 21 maggio in 5 seggi:

  • Piazza Vittorio Emanuele dalle 9:00 alle 21
  • Piazza Marconi dalle 9:00 alle 21:00
  • Contrada trito dalle 9:00 alle 13:00
  • Contrada san Marco dalle 9:00 alle 13:00
  • Contrada Lamie di Olimpia dalle 9:00 alle 13:00

commenti

E tu cosa ne pensi?