Locorotondo niente bevande in vetro d’asporto dopo le 21:00. Arriva l’ordinanza

/ Autore:

Società


 

Questa mattina è stata diramata da parte dell’amministrazione comunale di Locorotondo, l’ordinanza di divieto di  vendere per asporto bevande alcoliche o meno, contenute in bottiglie o confezioni di vetro, dalle ore 21,00 fino alla chiusura dell’esercizio.

Come si legge sull’ordinanza “Rilevata, soprattutto nel periodo estivo, la frequente situazione di abbandono di contenitori in vetro, spesso ridotti in frantumi e sparsi sul suolo, in luoghi e spazi pubblici e/o aperti al pubblico, quali strade, portici, piazze, e che costituiscono grave pericolo per i passanti e causa di degrado del Paese e atteso che la circostanza si verifica soprattutto in ore serali e notturne, prima delle operazioni mattutine di pulizia del Centro abitato, ed è connesso alla vendita per asporto, praticata dai pubblici esercizi e da altre attività autorizzate alla somministrazione su area pubblica, di bevande in contenitori di vetro che di solito vengono consumate in ambiente esterno e quindi nello stesso abbandonate senza alcun riguardo per l’altrui sicurezza e per il decoro e la pulizia dei luoghi”.

“Si rende  necessario provvedere- continua la disposizione- per motivi di sicurezza pubblica, ad eliminare l’inconveniente in parola, mediante esplicito divieto ai pubblici esercizi, nonchè alle altre attività autorizzate alla somministrazione su area pubblica, di vendere per asporto bevande in contenitori di vetro in ore serali/notturne”.

Pertanto  dal 1° giugno al 30 settembre è fatto divieto ai  pubblici esercizi, nonchè alle altre attività autorizzate alla vendita e somministrazione su area pubblica, di vendere per asporto bevande alcoliche o meno, contenute in bottiglie o confezioni di vetro, dalle ore 21,00 fino alla chiusura dell’esercizio.

Inoltre l’ordinanza avvisa che : “l’inosservanza delle disposizioni contenute nel  provvedimento comporta l’applicazione della sanzione amministrativa, ai sensi dell’art. 7 bis del D.Lgs.vo 267/2000, da € 50,00 a € 500,00”.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?