Prende il via il “bonus asilo nido”. Ecco cosa c’è da sapere

/ Autore:

Società


Da ieri mattina è possibile presentare  la domanda per ottenere  agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati.  L’importo erogato sarà fino a 1.000 euro e si  potrà presentare la domanda fino al  31 dicembre 2017.

Ricordiamo che il bonus spetta ai genitori di minori nati o adottati dal 1 gennaio 2016 e che possono fare richiesta i residenti in Italia, cittadini italiani o comunitari, o in possesso del permesso di soggiorno.  Inoltre, non sono previsti tetti ai redditi. Potranno richiedere infatti  l’importo di 1.000 euro per pagare l’iscrizione all’asilo nido tutte le famiglie con figli. Sarà  possibile ottenere il bonus anche per più figli presentando  una domanda per ciascuno di essi.

Per presentare la domanda ci sono tre strade. La prima è quella degli enti di patronato (per esempio i Caf).  La seconda invece, basta chiamare il Contact Center Integrato (numero verde 803.164 che è gratuito da rete fissa oppure il numero 06 164.164, con tariffazione a carico dell’utenza chiamante). Infine la terza tramite la piattaforma  web attraverso i Servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino attraverso il portale dell’Istituto, tramite Pin dispositivo, Sistema Pubblico di Identità Digitale (Spid) o Carta Nazionale dei Servizi (Cns).

Il bonus asilo nido sarà erogato con cadenza mensile,  fino a un tetto di 1.000 euro su 11 mensilità, per un importo massimo di 90,91 euro direttamente al beneficiario che ha sostenuto il pagamento, per ogni retta mensile pagata e documentata. Le rete pagate prima di luglio saranno saldate in un’unica soluzione.

Ricordiamo infine, che il contributo mensile erogato dall’Istituto non può eccedere la spesa sostenuta per il pagamento della singola retta. Il premio asilo nido non è cumulabile con la detrazione fiscale prevista dall’art. 2, comma 6, legge 22 dicembre 2008 (detrazioni fiscali frequenza asili nido) e che non può essere richiesto  in mensilità coincidenti con il cosiddetto bonus infanzia (art.1, commi 356 e 357, legge n. 232 del 11 dicembre 2016).

 

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?