FSE: Furto di rame sulla Martina-Taranto. Passeggeri costretti a scendere dal treno e a proseguire a proprie spese

/ Autore:

Cronaca


Non si placano le critiche contro la società delle Ferrovie Sud-Est, che gestisce il trasporto pubblico di 4 provincie pugliesi con oltre 400 km di linea ferroviaria e 130 comuni collegati con vettori automobilistici. Che sarebbe stata una stagione estiva complicata per i trasporti era chiaro da giugno, quando le FSE annunciarono la soppressione di molte tratte per lavori di potenziamento e modifiche alla circolazione fino a sabato 2 settembre, situazione che però si è complicata a causa dei fin troppi furti di rame su alcune tratte.

Ciò che è accaduto ieri, sulla tratta Martina-Taranto, ha dell’incredibile non tanto per il furto dei cavi di rame, che hanno costretto il treno a fermarsi, ma nella gestione del problema.

La disavventura capitata ad alcuni passeggeri, che hanno denunciato l’accaduto direttamente sul gruppo facebook che raccoglie le esperienze di chi si trova a bordo di treni e bus dell’azienda, inizia alle porte di Taranto, precisamente nella stazione di Statte.

A raccontarla è Giuseppe Ventrella, uno dei passeggeri, sulle pagine de La Repubblica: “Ero partito da Putignano alle ore 6:30 per arivare alla stazione di Martina Franca alle 7:44. – si legge nell’articolo pubblicato da Gianvito Rutigliano – Arrivati quasi a Statte il controllore, palesemente imbarazzato, ci ha informato del furto di cavi lungo i binari e che avremmo dovuto proseguire il tragitto con un autobus”

“Fin qui normale amministrazione – spiega il passeggero – è una cosa che capita spesso, ma la beffa è che nella stazione di Statte non c’erano bus delle FSE ad aspettarci. Ci è stato detto che se volevamo proseguire avremmo dovuto prendere un bus cittadino gestito da AMAT, che ovviamente non partiva dalla stazione e che avremmo dovuto pagare di tasca nostra.”

La risposta delle FSE non si è fatta attendere: “Tutti i treni sono stati sostituiti da bus, tranne quello del primo viaggio. Siamo venuti a conoscenza del furto con la prima corse del mattino e non abbiamo avuto il tempo materiale di effettuare prima la sostituzione.”

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?