“Shtares 2017”: Il GSM esplora 2,7 km di nuove gallerie ipogee nel cuore delle Alpi Albanesi

/ Autore:

Società


È in corso, in Albania, la spedizione esplorativa denominata “Shtares 2017“, organizzata dal Gruppo Speleologico Martinese in collaborazione con l’associazione La Venta Esplorazioni Geografiche,  GSB-USB di Bologna, il Gruppo Speleologico Faentino e la Società Speleologica Italiana (SSI).

La spedizione vede coinvolti 21 speleologi italiani che stanno lavorando nel nord dell’Albania, nell’area Nikaj-Mertur, ai confini di pertinenza della prefettura di Scutari.

In particolare si sta esplorando la grotta denominata “Shpella Shtares” che si apre con un grande ingresso a quota 1440 mt da cui fuoriesce un vento molto forte e gelido. La grotta è stata scoperta l’anno scorso durante  la spedizione  “Curraj 2016” organizzata sempre dal Gruppo Speleologico Martinese che, in quella occasione,  rilevò i  primi 300mt, gettando le basi per l’attuale esplorazione.

Durante i 7 giorni di campo fatto nel villaggio di Vrana e Madhe, sono stati  esplorati e rilevati oltre 2,7 km tra condotte e gallerie; nello specifico, la grotta si sviluppa principalmente in direzione nord-ovest rispetto all’ingresso con una estensione di 700 metri nel cuore della Montagna di Shtrezes puntando verso  il Montenegro. La cavità si imposta su condotte freatiche con andamento sub-orizzontale e si sviluppa su più livelli.

Non sono mancati campionamenti bio-speleologici di fauna troglobia raccolti nelle zone più interne della grotta che saranno  inviati e analizzati in vari istituti italiani al nostro ritorno  e ricognizioni  nelle vallate limitrofe alla ricerca di nuove cavità.

Sono state effettuate, inoltre, documentazioni fotografiche e video interne ed esterne alla “Shpella Shtares”  con lo scopo di realizzare un rilievo tridimensionale di alcuni ambienti della cavità e riprese aeree con l’ausilio di un drone.

Dal 27 agosto al 2 settembre il gruppo si sposterà sul Mali un imponente massiccio carsico più a sud rispetto alle Alpi Albanesi, per continuare ricerche ed esplorazioni in  quell’area geografica.

Hanno contribuito all’esplorazione: Pasquale Calella, Sebastiano Calella, Giuseppe Caliandro, Antonella Devito, Matilde Manfredi, Alessandro Marraffa, Michele Marraffa, Gianpiero Lacarbonara, Orlando Lacarbonara, Donatella Leserri, Claudio Pastore, Michele Pastore, Angelo Semeraro (G.S. Martinese), Susana Crespo (G.S. Lunense), Norma Damiano (La Venta/GS CAI Napoli), Federico Della Vita (G.S. Lucchese), Ivano Fabbri (G.S. Faentino), Nico Masciulli (GASP!), Tommaso Santagata (La Venta) Alessandro Severini (G. Grotte Grottaglie)

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?