Il Capocollo di Martina Franca sarà senza conservanti aggiunti

/ Autore:

Cultura, Economia


Si attende solo l’annuncio ufficiale al termine del congresso internazionale di Slow Food in Cina, ma è ormai sicuro che il Capocollo di Martina Franca, quello vero, sarà senza nitriti e nitrati, ovvero senza conservanti aggiunti. La notizia arriva da Bra, dove si è tenuto l’evento Cheese, il più importante del settore caseario italiano: il capocollo senza conservanti si può fare, come ha riferito anche il coordinatore dei Presidi Slow Food pugliesi Marcello Longo. Da parte sua, l’associazione dei produttori non ha né confermato né smentito, ma si attende presto il ritorno del Presidio, dal quale i sette produttori (quattro di Martina, due di Locorotondo e uno di Cisternino) si erano sospesi, proprio per permettere la modifica del disciplinare.

Il Capocollo di Martina Franca non solo sarà migliore, dal punto di vista biologico e della salute, ma l’assenza di conservanti aggiunti sarà uno strumento fondamentale di tutela per i piccoli produttori locali, sul cui lavoro si fonda la qualità del salume, dall’aggressione dei grandi marchi nazionali.


commenti

E tu cosa ne pensi?