Rifiuti. 500mila euro di rimborso Tari, basta cassonetti e fototrappole: ecco le novità

/ Autore:

Ambiente



L’Amministrazione comunale ha incontrato la stampa a Palazzo Ducale a seguito dell’approvazione, da parte del Consiglio comunale nella seduta di ieri (28 settembre 2017), della variazione di bilancio che prevede, fra le altre voci, circa cinquecentomila euro che saranno utilizzati per rimborsare una percentuale della Tari 2017 nella bollettazione 2018.

La rimodulazione riguarderà, quindi, l’esercizio 2017 ma sarà rimborsata ai contribuenti nel 2018 per questioni legate alle normative vigenti. Eventuali variazioni, infatti, per legge (art. 175 del Testo Unico degli Enti Locali) andavano effettuate entro il 31 luglio 2017 in sede di assestamento di bilancio, limite improrogabile ribadito anche da una recente risoluzione del Ministero dell’Economia e delle Finanze. L’Amministrazione, peraltro, insediatasi ufficialmente solo il 7 luglio, non ha avuto i tempi tecnici per analizzare  il Piano Finanziario e valutare le economie di spesa nei capitoli di  inerenti i costi del servizio; Piano Finanziario che, ad ogni modo, andrà rivisto e rimodulato anche alla luce dell’entrata a regime del nuovo servizio rifiuti. Pertanto effettuata una ricognizione dei costi del Piano Finanziario e di economie di spesa, stornati i maggiori  costi sostenuti per il conferimento in discarica nel triennio 2014/2016, i risparmi relativi all’Ecotassa (avendo raggiunto l’obiettivo previsto dalla normativa regionale) e recuperate le spese legali ed amministrative dall’ARO Taranto/2,  è stato possibile inserire, in sede di variazione di bilancio,  un capitolo specifico finalizzato al rimborso Tari.

Novità anche per quanto riguarda il servizio dei rifiuti. Dal 16 ottobre, infatti, la Monteco ritirerà tutti i cassonetti stradali presenti nel centro urbano. Inoltre, al fine di migliorare il decoro urbano, saranno eliminati tutti i carrellati posizionati oggi sul suolo pubblico e sarà data la possibilità ai condomini di scegliere tra avere i carrellati (o all’interno delle aree private condominiali e degli androni condominiali) oppure richiedere le pattumelle private, così come già accade per tutti gli altri cittadini. Saranno mantenuti i punti di conferimento già presenti in città all’interno dei quali sarà possibile continuare a svolgere la raccolta dei rifiuti da imballaggio (carta, plastica e vetro).

Per quanto riguarda l’agro, saranno accelerate tutte le procedure per la realizzazione delle mini isole ecologiche e per il posizionamento temporaneo dei punti di conferimento andando così ad eliminare, man mano, anche dall’agro, i cassonetti, spesso ricettacolo di rifiuti provenienti da cittadini di Comuni limitrofi. Nei prossimi giorni sarà anche aperta, dopo il finanziamento ottenuto nel 2015, il Centro comunale di raccolta in zona Ortolini che si aggiungerà a quello già in funzione in zona industriale.

Per un maggiore controllo sarà attivato un sistema di monitoraggio ambientale che consentirà di individuare e sanzionare i cittadini che abbandonano i rifiuti per strada.


commenti

E tu cosa ne pensi?