Patto per la Puglia. Pentassuglia favorevole a una task-force, con un occhio in più per Taranto

/ Autore:

Politica



“Il Patto per la Puglia deve essere un’opportunità per la nostra regione e non un terreno di scontro e divisioni. Opportunità in termini occupazionali e di sviluppo del territorio per i lavoratori, gli imprenditori e tutto l’indotto che ha bisogno di riprendere a girare per far crescere la nostra economia”. Così il presidente della IV Commissione regionale (Industria, Commercio, Artigianato, Turismo e Industria alberghiera, Agricoltura e Foreste, Pesca professionale e Acquacoltura), Donato Pentassuglia (Pd), al termine dei lavori questa mattina.

“Per questo ho accolto con grande favore la proposta che l’assessore allo Sviluppo Economico, Mazzarano, ha avanzato questa mattina nella Commissione da me presieduta – ha continuato Pentassuglia –  di costituire una task-force per monitorare lo stato di avanzamento delle opere e i relativi finanziamenti, in modo da non perdere risorse preziose e sollecitare l’apertura di cantieri. Al più presto, insieme ai colleghi della Commissione, provvederò a trasmettere i nomi dei consiglieri che dedicheranno parte del loro tempo a questa importante verifica dalla quale dipende anche il futuro della Puglia”.

“Poi c’è un altro futuro che, per ovvie ragioni, mi sta particolarmente a cuore ed è quello di Taranto e del suo territorio. Abbiamo concluso oggi, sempre in Commissione, l’iter della audizioni sulla Legge Sviluppo per Taranto. L’importante contributo del partenariato sociale e produttivo jonico ha evidenziato delle carenze legislative che saranno colmate – ha concluso il presidente –  il disegno di legge non deve essere un elenco di buone intenzioni, deve essere il volano per far riprendere un’economia che sta soccombendo a causa di problematiche industriali, sanitarie e sociali che ormai si stanno incancrenendo. La Legge Sviluppo per Taranto vuole e deve evitare non solo che peggiori la situazione, ma dettare ricette concrete per il futuro del territorio”.


commenti

E tu cosa ne pensi?