Le realtà virtuose nell’accoglienza. Lo Sprar Martina Franca premiato a Strasburgo

/ Autore:

Cultura



Tra le realtà virtuose europee per le migliori pratiche nell’accoglienza: lo Sprar di Martina Franca premiato al meeting dello Strasbourg Club Network. Dal 7 al 10 novembre, Comune di Martina Franca e Associazione Salam al Meeting annuale – Sesta edizione del World Forum of Democracy:

Sarà presente anche una delegazione dello Sprar di Martina Franca al nuovo meeting annuale  dello Strasbourg Club Network, l’importante evento che costituisce parte integrante della Sesta edizione del World Forum of Democracy – organizzato dal Consiglio d’Europa, in partenariato con la città di Strasburgo, la regione francese Grand Est e il Governo francese .

All’imperdibile meeting internazionale che si terrà dal 7 al 10 novembre a Strasburgo, sono stati invitati a partecipare  l’Assessora alle Politiche Sociali Tiziana Schiavone del Comune di Martina Franca unitamente ad alcuni membri dell’Associazione Salam, rispettivamente ente gestore ed ente attuatore dello Sprar di Martina Franca, che grazie al progetto Sulle Vene della Puglia, è stato annoverato tra le realtà virtuose per le migliori pratiche nell’accoglienza dei rifugiati in Europa, nel Vademecum “Welcoming refugees with dignity” (accogliere i rifugiati con dignità).

Si tratta di una guida pubblicata nel 2016 dalla municipalità di Strasburgo in rete con le altre città europee (European Solidarity City Network), con l’intento di raccogliere e promuovere le migliori pratiche in termini di politiche locali per la ricezione e l’inclusione dei rifugiati.

Nella sezione dedicata alla partecipazione dei rifugiati alla vita sociale e culturale della comunità ospitante, accanto al progetto Multake della città di Berlino  è inserita anche l’esperienza dello Sprar di Martina Franca, ed appunto “Sulle Vene della Puglia”:  progetto per la valorizzazione del patrimonio culturale che è possibile incontrare lungo la Ciclovia dell’Acquedotto pugliese in Valle D’Itria.

OBIETTIVO VADEMECUM: Il vademecum, tradotto in diverse lingue, mira a descrivere e confrontare le azioni messe in campo in diverse città europee. E’ stato progettato come uno strumento pratico, uno strumento di supporto decisionale e come vera fonte di ispirazione per le città che potrebbero sentirsi impotenti o isolate nell’affrontare l’accoglienza di un gran numero di rifugiati.  Attraverso questa guida, l’unica nel suo genere, le città europee potranno imparare l’una dall’altra e rafforzare la loro cooperazione in un settore in cui l’improvvisazione è purtroppo spesso il modus operandi.

IL MEETING: L’appuntamento annuale dello Strasbourg Club Network – alla sua quindicesima edizione – fa parte del programma del Forum Mondiale della Democrazia che quest’anno esaminerà il ruolo dei partiti politici e dei media nel contesto di un populismo in piena espansione.

Lo Strasbourg Club Network comprende oltre 60 città europee ed è composto da 648 funzionari eletti, che rappresentano più di 200.000 autorità locali in 47 Stati membri. Anche l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) composta da circa 8.000 comuni italiani, è impegnata nello sviluppo di questa rete.

LO SPRAR DI MARTINA FRANCA: per l’importante riconoscimento, una delegazione dello Sprar di Martina Franca, è stata invitata a partecipare e  a contribuire alla nuova edizione del Vademecum aggiornando le informazioni relative alle evoluzioni del progetto “Sulle Vene della Puglia”, e segnalando nuove attività svolte nel nostro territorio. Per l’occasione saranno presentati inoltre I Quaderni dello Sprar, progetto editoriale multilingue realizzato da alcuni richiedenti asilo politico e rifugiati, contenente la descrizione di alcune masserie bike friendly della Valle d’Itria ubicate nei pressi della Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese.

 

 


commenti

E tu cosa ne pensi?