“Lasciate la tastiera e lottate per il Tursi”. La Curva Nord chiede l’impegno della politica

/ Autore:

Calcio, Sport



All’indomani della sconfitta per 2-3 contro l’Altamura fra le mura del Pergolo, la ultras della Curva Nord del Martina calcio intervengono sulla questione dello stadio Tursi, rivolgendo un invito ad alcuni “personaggi” (chiaramente individuabili in alcuni esponenti dell’attuale amministrazione comunale) che a loro dire non stanno agevolando i lavori di ristrutturazione proprio dell’impianto di Via dello Stadio:

Con il presente comunicato intendiamo chiarire la nostra posizione riguardo strani discorsi di natura politica apparsi già da qualche giorno su pagine social vicine alla nostra squadra. non abbiamo mai dato peso alle discussioni “da tastiera”, diventate evidentemente il mezzo per far sentire leoni parecchi personaggi locali che si ritengono “tifosi” del NOSTRO amato Martina.

Per evitare strumentalizzazioni però riteniamo di vitale importanza chiarire la nostra posizione direttamente. Come già qualcuno avrà notato sono apparsi degli striscioni in città per quanto concerne la questione stadio Tursi. Striscioni che non vogliono esprimere nessuna presa di posizione contro singoli rappresentanti politici; il nostro è un incitamento, un voler spronare chi di competenza ad accelerare i tempi di ristrutturazione visto che le promesse, in termini di tempistica, sono state disattese. Sono ormai 2 anni che siamo costretti a disputare le partite casalinghe in una struttura indegna della nostra storia ed è inconcepibile che una città di 50mila abitanti non disponga di un impianto sportivo degno di essere definito tale! Pertanto ribadiamo la nostra estraneità nei confronti di qualsiasi discussione di carattere amministrativo e politico poiché l’unico argomento che a noi interessa è lo stadio Tursi.

Detto questo invitiamo i sopracitati “personaggi” a mettere da parte la tastiera, legarsi al collo la sciarpa biancazzurra e lottare con noi sui gradoni, anziché dietro lo schermo di un computer.


commenti

E tu cosa ne pensi?