“Non presenterò il mio libro a Martina”. Donato Carrisi “in esilio” a Cisternino

/ Autore:

Cultura


Donato Carrisi torna in Valle d’Itria. Lo scrittore martinese – salito alla ribalta nello scorso autunno con “La ragazza nella nebbia”, film del 2017 scritto e diretto in prima persona nonchè basato sull’omonimo romanzo dello stesso Carrisi – torna sul palco per presentare il suo nuovo libro “L’uomo del labirinto”, uscito un mese fa nelle librerie.

“Tuttomoltobello” direbbe il Bruno Pizzul dei bei tempi, se non fosse che Carrisi non seguirà la consuetudine che lo vedeva presentare i propri libri a Martina Franca: lo scorso anno ad esempio un insolito trio formato dallo stesso Carrisi, da Graziano de Pace e da Renzo Rubino condusse una memorabile serata di beneficenza in un Palawojtyla gremito.

Carrisi sarà infatti questa sera presso il Teatro Comunale di Cisternino, in una serata organizzata dal locale Presidio del Libro, coadiuvato dal solito Ottavio Martucci. Insomma, una presentazione “in esilio” come ha titolato lo stesso scrittore-regista in un post comparso qualche giorno fa su Facebook (in coda all’articolo).

“Per la prima volta in tanti anni, NON presenterò il mio nuovo romanzo a MARTINA FRANCA, la città in cui sono nato e che amo. Le ragioni non chiedetele a me” ha scritto Carrisi sul suo profilo, dove invece ha ringraziato il Presidio del Libro e l’Amministrazione Comunale di Cisternino.

Ma Carrisi ha avuto comunque un pensiero per la sua città visto che in mattinata ha postato una fotografia che lo vede sul celebre Stradone, senza contare l’invito presente nel post di cui vi parlavamo prima: “Do appuntamento anche ai tantissimi martinesi che mi seguono da sempre, riempiendomi di affetto”.

Le ragioni dell’esilio non sono note – nonostante le parentele a Palazzo Ducale – ma potrebbero in parte coincidere con la non disponibilità dello stesso Palawojtyla, sede da domani del girone di qualificazione ai campionati europei maschili U18 di pallavolo, anche se in città sono presenti anche due cinema e altre strutture, già sedi di presentazioni e altri eventi culturali…


commenti

E tu cosa ne pensi?