Parcheggio Via Bellini. Il Consiglio di Stato dà ragione alla prima. Presto la cantierizzazione

/ Autore:

Società



Parcheggio di Via Bellini: il Consiglio di Stato respinge definitivamente il ricorso della ditta seconda classificata. Lo comunica la segreteria del sindaco di Martina Franca in una nota pervenuta in redazione:

Importante novità per la realizzazione del parcheggio nell’area tra via Bellini e via Locorotondo. Infatti, il Consiglio di Stato (sezione quinta), con sentenza 637/2018, ha respinto il ricorso riguardante l’affidamento della progettazione e dei lavori di realizzazione del parcheggio, proposto dalla ditta seconda classificata nella gara di appalto.

Tale pronuncia definitiva consente, perciò, all’ impresa prima classificata nella gara pubblica, di avviare la progettazione esecutiva dell’opera per l’area in questione che, come noto, è ritornata nella disponibilità pubblica, grazie anche agli accordi bonari con i proprietari dei suoli.

Sono sempre complesse le vicende che riguardano le aree a parcheggio per Martina Franca, in particolare quella di via Bellini che inizia addirittura nel lontano 1991, quando la Giunta dell’epoca adottò il programma urbano dei parcheggi

“Il costo complessivo dell’opera, finanziata con delibera Cipe, sarà di circa 2,8 milioni di euro –  dichiara l’Assessore ai Lavori Pubblici Gianfranco Palmisano –  e prevede non solo la realizzazione di 180 posti auto interrati, ma anche la riqualificazione dell’intera area con opere di verde, arredo urbano, giochi per bambini, restauro delle antiche arcate dei sentieri e il recupero  del fabbricato e del trullo, sempre in sinergia con la Sovrintendenza”.

“Anche in questa occasione, il Consiglio di Stato dà atto della massima correttezza dei procedimenti amministrativi attuati dal Comune di Martina Franca – afferma il Sindaco Franco Ancona –. Ora può riprendere finalmente, con maggior celerità il percorso per la realizzazione di questa fondamentale opera che rappresenta una stella polare della nostra azione di Governo”.


commenti

E tu cosa ne pensi?