Xylella. Emanato decreto di emergenza per Taranto e Valle d’Itria: i dettagli

/ Autore:

Società


L’emergenza Xylella in Puglia registra importanti novità. In questi giorni il Governo ha infatti emanato un decreto a firma del Ministro Martina, che istituisce una Zona Cuscinetto nel territorio compreso fra i comuni di Taranto, Statte, Crispiano, Martina Franca, Ceglie Messapica, Ostuni, Cisternino, Fasano, Locorotondo.

Le prescrizioni sono fondamentalmente tre:

– Obbligo di estirpazione delle piante infette e di tutte le piante ospiti del batterio, presenti nel raggio di 100 metri dalla pianta infetta (per ogni pianta infetta, una superfice pari a 3,14 ettari deve essere liberata da piante erbacee, arbustive e arboree).

– Obbligo di diserbo attraverso lavorazioni superficiali del terreno, o trinciatura e successivo interramento, o pirodiserbo o utilizzando diserbanti.

– Obbligo di trattamenti insetticidi con buona/ottima efficacia nei confronti della sputacchina utilizzando: Acetamiprid, Deltametrina, Etofenprox, Imidacloprid, Lambda Cialotrina, olio essenziale di arancio dolce. Fra questi quello più consigliato all’interni del decreto è l’Acetamiprid.

Oltre alle misure di emergenza, il decreto istituisce un calendario di esecuzione di misure di contrasto. Nel periodo gennaio-marzo (e ogni due anni) si dovrà procedere con la potatura ordinaria, ad aprile le operazioni di diserbo, tra maggio e agosto due trattamenti insetticidi obbligatori. Chiusura nel periodo settembre-dicembre, con altri due trattamenti insetticidi obbligatori e la potatura dei polloni.


commenti

E tu cosa ne pensi?