Urbanistica, gli architetti incontrano l’Amministrazione. Ancona: “Confronto utile”

/ Autore:

Economia


Si è svolto, nei giorni scorsi, a Palazzo Ducale, un incontro fra l’Amministrazione comunale e l’Ordine degli Architetti che, nelle scorse settimane, aveva chiesto al Sindaco di organizzare una riunione con l’Ufficio Tecnico, l’Ufficio Urbanistica, e la Commissione Paesaggio. Di seguito nota della segreteria del sindaco di Martina Franca:

Erano presenti il Sindaco, Franco Ancona, i Dirigenti dell’Ufficio Tecnico e dell’Ufficio Urbanistica, gli ingegneri Giuseppe Mandina e Lorenzo Lacorte, la Responsabile del Paesaggio, l’ingegner Mina Ligorio, la presidente della Commissione Paesaggio, l’architetto Adele Celino , il presidente dell’Ordine degli Architetti di Taranto, Massimo Prontera, e l’architetto Toni Massa.

La delegazione dell’Ordine ha chiesto ai presenti un maggiore colloquio fra i tecnici e la Commissione al fine di affinare la differenza di visione che, a loro avviso, è spesso emersa nell’esame delle pratiche ed evitare un allungamento dei tempi per quelle soggette ad integrazioni. A tal proposito si evidenzia che la Commissione paesaggistica ha terminato il lavoro delle pratiche passate e, al momento, non risultano ritardi.

I responsabili degli uffici hanno spiegato che non è previsto che la Commissione Paesaggio, ente collegiale sovraordinato, riceva il pubblico (salvo specifici casi) ma, prendendo atto delle istanze evidenziate dagli architetti, hanno dichiarato maggiore disponibilità nel fare da intermediari fra i tecnici e la commissione.

“E’ stato un incontro utile – ha evidenziato il Sindaco Franco Anconaperché sono emersi diversi temi che meritano una attenta riflessione sul nostro territorio. Ho appreso in questa sede che l’Ordine sta avviando una serie di incontri che coinvolgeranno tutti i Comuni della Provincia di Taranto per affrontare la medesima questione. Iniziare questo percorso da Martina evidenzia che su questo territorio è in atto una particolare attenzione”.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?