La maggioranza chiede un monotematico sull’ufficio tecnico, Idealista risponde: “Richiesta tardiva”

/ Autore:

Politica


A qualche giorno dal comunicato della segreteria del sindaco di Martina Franca che comunicava la richiesta di alcuni consiglieri di maggioranza di un consiglio monotematico per discutere di SUE, SUAP e Ufficio Paesaggio, il movimento IdeaLista manifesta il proprio disappunto per la situazione negli uffici comunali:

Apprendiamo dagli organi di stampa della richiesta di alcuni consiglieri di maggioranza per un consiglio comunale monotematico aperto per le problematiche evidenziate dall’Ordine degli Architetti e dal Collegio dei Geometri di Taranto, nonché più volte segnalate dall’Associazione geometri martinesi.

Rimaniamo perplessi nel leggere come i consiglieri di maggioranza abbiano manifestato tale sensibilità solo dopo una nota redatta al termine di un periodo “politicamente buio” per l’amministrazione.

Forse bisogna ricordare ai nostri consiglieri di sinistra che l’Assessore all’Urbanistica, diretto responsabile dell’andamento degli Uffici chiamati in causa (Sue e Ufficio paesaggio in primis) è proprio il sindaco. Lo stesso sindaco che il 21 marzo scorso aveva indetto una conferenza stampa nel corso della quale ha snocciolato numeri redatti dagli uffici e rilasciando dichiarazioni piuttosto imbarazzanti e inesatte che attrobuivano i ritardi degli Uffici quasi esclusivamente ai tecnici, deridendoli e denigrandoli.

Idealista ben comprende il carico di lavoro dei tecnici e degli operatori comunali a causa della mole di pratiche che arrivano ogni giorno ai vari sportelli comunali. Pertanto, tempo addietro, avevamo proposto una diversa organizzazione dell’ufficio tecnico al fine di migliorarne l’operato. IdeaLista aveva dato indirizzo per l’organizzazione dell’ufficio tecnico per aree tematiche: edilizia privata, patrimonio e pianificazione.  Tale iniziativa, ben accolta dall’ex consiglio comunale, fu messa in opera e accolta benevolmente anche dal Commissario straordinario, ma ora completamente cancellata dall’attuale amministrazione.

Apprezziamo molto l’iniziativa di convocare il Consiglio monotematico, ma non ne comprendiamo la tempistica così tardiva. Cosa è accaduto in questo periodo per far “svegliare” il consiglio comunale? Ci si è resi conto che si stava perdendo consenso? Ogni giorno arrivano lamentele e segnalazioni, più volte esposte negli anni passati anche da IdeaLista.

Basterebbe riorganizzare meglio gli Uffici, senza infruttuosi spostamenti di personale, dei quali, peraltro, non si conoscono neanche le giuste motivazioni. Basterebbe adottare semplificazione poste in atto da Leggi nazionali e regionali e mai recepite dall’Amministrazione martinese.

Noi siamo contro il metodo del “se mi chiedi, io ti do”, che abbiamo capito essere uno dei punti cardine di questa amministrazione. Si deve semplificare e snellire le procedure. E basta davvero poco per farlo.

È piuttosto insolito che dei consiglieri di maggioranza chiedano un consiglio monotematico. Ciò sta a dimostrare la completa incapacità politica e amministrativa di questa amministrazione. Consiglio e Giunta evidentemente, non comunicano tra loro. Questo divario prova inoltre lo scarso profilo politico dei due organi.

Speriamo che tale iniziativa sia ben accolta e soprattutto recepita dall’amministrazione e che non si faccia come al solito, ignorando, o peggio ancora, scaricando le responsabilità politiche e amministrative sui professionisti martinesi, continuando a creare disagio alla cittadinanza che vuole creare economia e benessere. E infine, si spera che i consiglieri di maggioranza, oggi più “yes man” che mai, si sveglino e decidano di applicare il proprio volere sulla giunta comunale.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?