Rifiuti, Cervellera replica a LeAli: “Col 71% di differenziata siamo passati dalle parole ai fatti”

/ Autore:

Ambiente


“71,12% di raccolta differenziata registrata a giugno, per stare ai ritornelli del movimento politico Le Ali, l’amministrazione Ancona, dalla Parole è passata velocemente ai Fatti”. Giuseppe Cervellera (Presidente Commissione Ecologia Ambiente e Consigliere Comunale PD) risponde alle dichiarazioni del movimento di Eligio Pizzigallo, che negli scorsi giorni aveva criticato le risposte dell’Amministrazione comunale nel question time dello scorso lunedì su rifiuti e sport:

Fatti che non consentiranno applicazione di Ecotassa per i cittadini di Martina Franca e che, così continuando, potranno continuare a vedersi ridotta la propria tassa rifiuti.

Dopo poco più di un anno dall’inizio del nuovo servizio in città è tempo di fare i primi bilanci e di individuare le soluzioni migliori per rendere più agevole la differenziazione dei rifiuti per i martinesi che al momento occorre ringraziare per la disponibilità mostrata. Così, ad esempio, le isole ecologiche della Sacra Famiglia e di Cristo Re, create temporaneamente ed in via sperimentale, se da un lato hanno trovato il favore di molti cittadini residenti in zona, dall’altro sono divenute ricettacolo di abbandono di rifiuto indifferenziato per gli incivili rimasti nella nostra città che in molti casi andavano a mischiare i loro rifiuti abbandonati con i rifiuti esattamente differenziati dai cittadini. Ciò, purtroppo, comporta gravi danni per la comunità, in quanto tutti i rifiuti contenuti nelle isole ecologiche venivano puntualmente trattati tutti come indifferenziato con conseguente aggravio di costi.

La politica ha la responsabilità di ricercare le migliori soluzioni ed è per questo che è al vaglio della nostra attenzione la possibilità di attivare isole ecologiche sorvegliate con telecamere nei punti della nostra città in cui ci sono super condomini e poco spazio per mastelli e carrellati con la previsione di applicare e richiedere con denuncia penale immediata, la massima sanzione penale per chi viene colto ad abbandonare rifiuti; stiamo aumentando vistosamente il numero delle fototrappole nell’agro, stiamo chiedendo a tutte le attività economiche e turistiche la registrazione ai sensi di legge per la dichiarazione ai fini Tari. Inoltre, al fine di salvaguardare il decoro urbano della nostra città e nel rispetto delle leggi vigenti stiamo prevedendo l’abilitazione di alcune mini isole ecologiche in campagna per il conferimento dei rifiuti delle attività non domestiche.

Ho apprezzato il lavoro di ascolto e condivisione delle criticità fatto dall’assessore all’ambiente Valentina Lenoci con i tutti i cittadini; adesso è necessario che il Consiglio la coadiuvi per mettere in pratica velocemente le soluzioni individuate.

Pertanto, terminato il giro di interlocuzione in città e nell’agro, posso convocare la commissione Ambiente ed Ecologia da me presieduta e dar seguito agli indirizzi del consiglio comunale monotematico  dando voce alle proposte fattibili che arriveranno anche dal gruppo “Le Ali”.

E’ necessario ricordare e tenere sempre ben presente che il servizio deve andare di pari passo con il contratto in essere e con i servizi resi dalla ditta e che per fare un servizio aggiuntivo rispetto al contratto stesso, la ditta ne deve eliminare un altro di pari costo; tutto ciò al fine di non far lievitare a dismisura i costi del servizio che ricadrebbero inevitabilmente su tutti i cittadini.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?