Festival della Valle d’Itria, venerdì la prova del “Rinaldo”: disponibili biglietti gratuiti per gli under 30

/ Autore:

Cultura



Dopo il successo dell’anteprima giovani di Giulietta e Romeo, che ha visto la partecipazione di oltre 450 ragazzi, proseguono le iniziative del Festival della Valle d’Itria rivolte agli under 30: sono già disponibili, presso il box office di piazza Roma n. 10 (aperto dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 21), i biglietti gratuiti per l’anteprima dell’opera Rinaldo e prevista per venerdì 27 luglio alle ore 21 nell’Atrio del Palazzo Ducale di Martina Franca.

Rinaldo di Georg Friedrich Händel debuttò al Queen’s Theater di Londra nel 1711, prima opera su libretto italiano composta appositamente per un teatro della capitale inglese: ebbe un enorme seguito, rimanendo in cartellone per ben sette stagioni di fila e registrando innumerevoli repliche. Il primo interprete della parte del protagonista Rinaldo fu il castrato napoletano Nicola Grimaldi (detto Nicolini), che ebbe grande successo a Londra e che fece ritorno a Napoli nel 1718. All’insaputa di Händel, il castrato portò la partitura a Napoli, dove Leonardo Leo e altri musicisti partenopei vi intervennero, realizzandone un “pasticcio napoletano” che andò in scena al Teatro di San Bartolomeo con l’aggiunta di intermezzi e due personaggi buffi, Lesbina e Nesso, interpretati da una celebre coppia di cantanti-attori locali.

È proprio questa versione “contaminata” dell’opera che verrà proposta dal Festival della Valle d’Itria – il 27 luglio in anteprima per gli under 30; il 29 luglio, il 2 e il 4 agosto per il pubblico tradizionale – in prima esecuzione assoluta in tempi moderni, dopo il recente e fortuito ritrovamento di parte della partitura (ricostruita dal giovane musicologo Giovanni Andrea Sechi).

Il Direttore musicale del Festival Fabio Luisi dirige un prestigioso ensemble specializzato nel repertorio barocco come quello della Scintilla, per la prima volta impegnato a Martina Franca. Lo spettacolo è affidato alla regia di Giorgio Sangati, interessante talento che negli ultimi anni si sta affermando sui palcoscenici di prosa e lirica per la cura e l’originalità delle proposte; questa scelta inoltre conferma l’attenzione del Festival verso le nuove generazioni di artisti e un legame sempre molto forte con il Piccolo Teatro di Milano, fucina di talenti, nel segno e nel ricordo di Paolo Grassi.

Nella parte en travesti di Rinaldo il contralto Teresa Iervolino, in quella di Armida il soprano Carmela Remigio, e ancora Loriana Castellano (Almirena), Francesca Ascioti (Argante), Francisco Fernández-Rueda (Goffredo), Dara Savinova (Eustazio), e gli allievi dell’Accademia del Belcanto “Rodolfo Celletti” (Dielli Hoxha, Kim-Lillian Strebel, Ana Victória Pitts) e, per i ruoli buffi di Nesso e Lesbina, Simone Tangolo e Valentina Cardinali, attori provenienti dal Piccolo Teatro di Milano. Le scene sono di Alberto Nonnato, i costumi di Gianluca Sbicca e le luci di Paolo Pollo Rodighiero.

La prima dello spettacolo sarà trasmessa in diretta su Rai Radio3 il 29 luglio alle 21.


commenti

E tu cosa ne pensi?