Agricoltura. PAC 2021-27, Cassese: “36mld di euro per riorganizzare il mercato agricolo”

/ Autore:

Politica



Questa mattina in Parlamento abbiamo incardinato le Proposte di regolamento del Parlamento europeo per la PAC 2021-2027. Si apre così una sfida di importanza cruciale per il futuro del comparto agricolo nazionale che non possiamo assolutamente perdere.” E’ quanto dichiarano i deputati pentastellati della Commissione Agricoltura Gianpaolo Cassese, relatore del Regolamento sui pagamenti diretti, e Dedalo Pignatone, relatore del Regolamento cosiddetto “orizzontale”:

“Sono tre le iniziative di regolamento che saranno negoziate, – spiegano i deputati – nello specifico, il regolamento sui piani strategici, quello sull’organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli, l’OCM, e il regolamento orizzontale “.  Precisano i parlamentari del M5S.

“Nonostante la riduzione dei fondi destinati dalla UE all’agricoltura, l’Italia per la PAC 2021-2027 può contare su una dotazione complessiva pari a circa 36 miliardi di euro, su un totale di 365 miliardi di euro destinati all’agricoltura in tutta l’Europa, corrispondenti a circa il 28,5% del bilancio complessivo. Una somma di grande rilevanza che ci consentirà di dare risposte concrete calibrandole alle esigenze reali degli agricoltori.” Proseguono.

“Nostro fondamentale compito sarà quello di predisporre un piano strategico nazionale all’altezza delle problematiche che intendiamo risolvere, anche per eliminare le storture che si sono sedimentate nel tempo di un sistema di erogazione e rendicontazione, nonché di certificazione e controllo, che certamente va rivisto.” Aggiungono i deputati e concludono:

“Cercheremo di intervenire a Bruxelles prima della approvazione definitiva – concludono i parlamentari– per apportare correttivi a ciò che fin qui non ha funzionato. Particolare impegno metteremo per risolvere le inefficienze e migliorare la qualità della spesa soprattutto al sud anche mediante una sinergica collaborazione con il Ministero per il Sud.”


commenti

E tu cosa ne pensi?