Tragedia di Taranto: piccoli ma significativi miglioramenti della bimba di 6 anni lanciata dal balcone dal padre

/ Autore:

Cronaca



La bimba di 6 anni che domenica scorsa è stata vittima di una brutale aggressione dal padre, che in un momento di follia ha lanciato la piccola dal terzo piano dell’abitazione e tagliato la gola all’altro figlio di 14 anni (che sta bene e fuori pericolo ndr), dopo altri due interventi chirurgici, uno alla testa e l’altro all’addome, ha iniziato a mostrare lievi ma significativi miglioramenti, nonostante le condizioni della bambina restino comunque molto gravi.

Sulla bambina – annuncia l’ASL – sono stati eseguiti due delicatissimi interventi chirurgici: il primo dall’equipe neurochirurgica guidata dai dottori Costella e Gigante che, assistiti dai due anestesisti Bortone e Vespa, hanno portato a termine con esito positivo una craniotomia decompressiva. La piccola – si afferma – è stata immediatamente sottoposta ad un secondo, e ancora più delicato intervento, questa volta all’addome. L’equipe, guidata questa volta dai dottori Bellanova e Di Gennaro, è stata impegnata a ‘confezionare’ l’addome aperto (open abdomen) con sistema di lavaggio /aspirazione in continua per consentire una migliore stabilità emodinamica. Tra 48 ore è prevista la chiusura definitiva” puntualizza l’Asl. “Rispetto all’ultimo bollettino medico – conclude l’Asl di Taranto – le condizioni della bambina sono leggermente migliorate nonostante permanga la gravità delle stesse“.

Intanto il quarantanovenne resosi responsabile del tentato omicidio dei suoi due figli, oggi nell’Udienza di convalida nel carcere di Taranto ha dovuto fare a meno del suo avvocato di fiducia, Nicola Cervellera, che ha deciso di rinunciare al mandato “per ragioni personali e professionali”.

Nel frattempo emergono sconcertanti dettagli sull’accaduto. A scatenare il raptus di follia nell’uomo non sarebbe stata la perdita della potestà genitoriale, come in un primo momento si è pensato, bensì la nuova relazione allacciata dalla ex compagna, dalla quale era ormai separato. L’uomo, sempre domenica, prima di lanciare sua figlia dal balcone, ha attirato con l’inganno l’altro figlio fuori dall’abitazione, fortunatamente il ragazzo è riuscito a fuggire subendo “solo” un taglio superficiale alla gola guaribile in 15 giorni.


commenti

E tu cosa ne pensi?