Maltempo, il bilancio di Coldiretti: “Danni ingenti. A Martina Franca ulivi sradicati e aperti in due”

/ Autore:

Cronaca


Maltempo, tromba d’aria a Taranto e Brindisi. Ulivi sradicati, olive spazzate vie e strutture distrutte. E’ un bilancio pesante quello di Coldiretti Taranto e Brindisi dopo la tromba d’aria che ha investito la regione nella giornata di domenica:

Partita dalla zona interna e trasferitesi velocemente verso la costa adriatica, una violenta tromba d’aria in soli 15 minuti, nella serata di domenica, si è mossa da Manduria e Martina Franca fino a colpire gran parte della provincia di Brindisi, distruggendo strutture, pergolati e muretti, sradicando gli ulivi secolari e non, spazzando via le olive. E’ quanto emerso dai primi rilievi dei tecnici di Coldiretti, accompagnati dai presidenti provinciali.

“A Martina Franca e Manduria in pochi minuti è avvenuto un disastro – dichiara il presidente di Coldiretti Taranto, Alfonso Cavallo – con alberi secolari sradicati, allettati e aperti in due. Sono ingenti i danni anche alle strutture. Basti pensare che è crollata la Chiesa di Sant’Angelo a Manduria. E’ un duro colpo alla campagna olivicola in corso che, a differenza delle province di Bari, Bat e Foggia, non era stata colpita dalle gelate di febbraio e marzo. Questo anche alla luce di eventi calamitosi di eccezionale gravità che necessitano di risposte concrete quanto tempestive”.

“Il quadro è apocalittico. Vedere alberi di dimensioni notevoli sradicati e le campagne coperte da un manto di olive è desolante”, denuncia il presidente di Coldiretti Brindisi, Filippo De Miccolis. “E’ un disastro naturale di dimensioni incalcolabili che ha colpito principalmente Apani, Brindisi, Latiano, Oria, Francavilla e Torre Santa Susanna – aggiunge il presidente De Miccolis – per cui i nostri uffici si sono immediatamente attivati per le verifiche in campo. Chiederemo all’Assessorato regionale all’Agricoltura di attivare le procedure per l’accertamento del danno di inusitata gravità e richiedere lo stato di calamità naturale, sburocratizzando il più possibile le procedure per ristorare tempestivamente gli agricoltori”.

“L’assoluta mancanza di liquidità e le gravi situazioni debitorie che ne conseguiranno necessitano di interventi non riconducibili alle calamità ordinarie- denuncia Coldiretti Puglia – bensì a strumenti straordinari che, oltre a dare sollievo economico alle imprese agricole, di cui in alcuni casi non si riconoscono più neppure i confini aziendali, dovranno prevedere urgenti opere di manutenzione per ripristinare il patrimonio produttivo, ricostruire le strutture aziendali e riprendere l’attività agricola”.


commenti

E tu cosa ne pensi?